Vangelo di Matteo cap21

                                          Matteo 21

 

et cum appropinquasset Hierosolymis et venissent Bethphage ad montem

Ed essendosi avvicinato a Gerusalemme ed essendo venuti a Betfage, presso il monte

Oliveti tunc Iesus misit duos discipulos dicens eis ite in castellum quod

degli Olivi, allora Gesù mandò due discepoli 2 dicendo loro: Andate nel villaggio che

contra vos est et statim invenietis asinam alligatam et pullum cum ea solvite et

è di fronte a voi e subito troverete un’asina legata e un puledro con essa, sciogliete e

adducite mihi et si quis vobis aliquid dixerit dicite quia Dominus his opus habet

conducete a me; 3 e se qualcuno vi dirà qualcosa, dite che il Signore di questi ha bisogno

et confestim dimittet eos hoc autem totum factum est ut adimpleretur quod dictum

e subito li rimanderà. 4 E tutto questo fu fatto, affinché si adempisse ciò che è detto

est per prophetam dicentem dicite filiae Sion ecce rex tuus venit tibi

attraverso il profeta che dice: 5 Dite alla figlia di Sion: Ecco il tuo re, viene a te

mansuetus sedens super asinam et pullum filium subiugalis

mansueto, sedendo sopra un’asina e un puledro figlio di una bestia da giogo.

Euntes autem discipuli fecerunt sicut praecepit illis Iesus et adduxerunt asinam et

6 E andando i discepoli fecero come comandò loro il Signore. 7 E condussero l’asina e il

pullum et imposuerunt super eos vestimenta sua et eum desuper sedere fecerunt

puledro, e misero su quelli i loro vestiti e lo  fecero sedere sopra.

Plurima autem turba straverunt vestimenta sua in via alii autem caedebant ramos

8 E moltissima folla distese i propri vestiti sulla via e altri tagliavano dei rami

arboribus et sternebant in via turbae autem quae praecedebant et quae

dagli alberi e ne facevano tappeto sulla via. 9 E le folle che precedevano e quelle che

sequebantur clamabant dicentes hosanna filio David benedictus qui venit

seguivano, gridavano dicendo: Osanna al Figlio di Davide, benedetto colui che viene

in nomine Domini hosanna in altissimis et cum intrasset Hierosolymam

nel nome del Signore, osanna  negli altissimi. 10 Ed essendo entrato in Gerusalemme,

commota est universa civitas dicens quis est hic populi autem dicebant hic est

tutta la città fu in movimento dicendo: Chi è questo? 11 Ma le folle dicevano: Questi è

Iesus propheta a Nazareth et intravit Iesus in templum Dei et

Gesù il profeta, quello da Nazaret di Galilea. 12 Ed entrò Gesù nel tempio di Dio e

eiciebat omnes vendentes et ementes in templo et mensas

andava cacciando tutti quelli che vendevano e compravano nel tempio, e rovesciò le

nummulariorum et cathedras vendentium columbas evertit et dicit eis scriptum est

tavole dei cambiavaluta  e le sedie dei venditori di colombe 13 e dice loro: Sta scritto:

domus mea domus orationis vocabitur vos autem fecistis illam speluncam

La mia casa sarà chiamata casa di preghiera, ma voi ne avete fatto una spelonca di

latronum et accesserunt ad eum caeci et claudi in templo et sanavit eos videntes

ladroni. 14 E si avvicinarono a lui ciechi e zoppi nel tempio, e li guarì. 15 Ma vedendo

autem principes sacerdotum et scribae mirabilia quae fecit et pueros clamantes

i capi dei sacerdoti e gli scribi le meraviglie che aveva fatto e i fanciulli che gridavano

in templo et dicentes hosanna filio David indignati sunt et dixerunt ei audis

nel tempio e dicevano: Osanna al figlio di Davide si sdegnarono 16 e gli dissero: Senti

quid isti dicunt Iesus autem dixit eis utique numquam legistis quia

quello che costoro dicono? E Gesù disse loro: Certamente! Non avete mai letto che

ex ore infantium et lactentium perfecistis laudem et relictis illis

dalla bocca di infanti e lattanti hai portato a perfezione la lode? 17 E abbandonati quelli,

abiit foras extra civitatem in Bethaniam ibique mansit mane autem revertens

andò fuori dalla città a Betania e qui rimase. 18 Al mattino tornando

in civitatem esuriit et videns fici arborem unam secus viam venit ad eam

nella città, ebbe fame. 19 E vedendo un solo albero di fico lungo la via si avvicinò a esso

et nihil invenit in ea nisi folia tantum et ait illi numquam ex te fructus

e non trovò in esso niente, se non delle foglie soltanto e gli disse: Non nasca mai da

nascatur in sempiternum et arefacta est continuo ficulnea et videntes

te frutto in eterno. E fu seccato immediatamente l’albero di fico. 20 E vedendo i

discipuli mirati sunt dicentes quomodo continuo aruit

discepoli si meravigliarono dicendo: In qual modo si è seccato immediatamente?

Respondens autem Iesus ait eis amen dico vobis si habueritis fidem et non

21 E rispondendo Gesù disse loro: In verità dico a voi, se avrete fede e non

haesitaveritis non solum de ficulnea facietis sed si monti huic dixeritis

esiterete, non soltanto farete ciò del fico, ma anche se direte a questo monte:

tolle et iacta te in mare fiet et omnia quaecumque petieritis in oratione

Alzati e gettati in mare, sarà fatto. 22 E tutte quelle cose che chiederete nella preghiera,

credentes accipietis et cum venissent in templum accesserunt ad eum docentem

credendo, le riceverete. 23 Ed essendo venuto nel tempio, si avvicinarono a lui che

principes sacerdotum et seniores populi dicentes in qua potestate

stava insegnando  i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo, dicendo: In quale autorità

haec facis et quis tibi dedit hanc potestatem respondens Iesus dixit eis

fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità. 24 Rispondendo Gesù disse loro:

interrogabo vos et ego unum sermonem quem si dixeritis mihi et ego vobis dicam

Vi farò anch’io una domanda. Se mi risponderete a questa, anch’io vi dirò

in qua potestate haec facio baptismus Iohannis unde erat e caelo an

in quale autorità faccio queste cose. 25 Il battesimo di Giovanni donde era? Dal cielo o

ex hominibus at illi cogitabant inter se dicentes si dixerimus e caelo dicet

dagli uomini? Ma quelli ragionavano fra di loro dicendo: 26 Se diciamo: Dal cielo, dirà a

nobis quare ergo non credidistis illi si autem dixerimus ex hominibus timemus

noi: Perché dunque non gli avete creduto? Se invece diremo: Dagli uomini. Temiamo

turbam omnes enim habebant Iohannem sicut prophetam et respondentes Iesu

la folla: infatti tutti consideravano Giovanni come profeta. 27 E rispondendo A Gesù

dixerunt nescimus ait illis et ipse nec ego dico vobis in qua potestate

dissero: Non lo sappiamo: Disse loro anch’egli : Neanche io dirò a voi in quale

haec facio quid autem vobis videtur homo quidam habebat duos filios et accedens

autorità faccio queste cose. 28 Cosa vi pare? Un uomo aveva due figli e avvicinandosi

ad primum dixit fili vade hodie operare in vinea mea ille autem respondens ait

al primo disse: Figlio, vai oggi a lavorare nella mia vigna. 29 Ma quello rispondendo disse:

nolo postea autem paenitentia motus abiit accedens autem ad alterum dixit

Non voglio, ma poi spinto dal pentimento andò. 30 E avvicinandosi all’altro disse

similiter at ille respondens ait eo domine et non ivit quis ex duobus

la stessa cosa. E quello rispondendo disse: Vado, o Signore, e non andò. 31 Chi dei due

fecit voluntatem patris dicunt ei primus dicit illis Iesus amen dico vobis

ha fatto la volontà del padre? Gli dicono: Il primo. Dice loro Gesù: In verità dico a voi,

quia publicani et meretrices praecedent vos in regnum Dei venit enim ad vos

che i pubblicani e le prostitute vi precederanno nel regno di Dio. 32 E’ venuto infatti a voi

Iohannes in via iustitiae et non credidistis ei publicani autem et

Giovanni nella via della giustizia, e non gli avete creduto, ma i pubblicani e le

meretrices crediderunt ei vos autem videntes nec paenitentiam habuistis postea ut

prostitute gli hanno creduto, ma voi, vedendo, neppur dopo avete fatto penitenza così

crederetis ei aliam parabolam audite homo erat paterfamilias qui

da credere in lui. 33 Ascoltate un’altra parabola. Vi era un uomo padre di famiglia che

plantavit vineam et sepem circumdedit ei et fodit in ea torcular et aedificavit

piantò una vigna e la circondò con una siepe e scavò in essa un frantoio e costruì

turrim et locavit eam agricolis et peregre profectus est

una torre e la diede in affitto a dei coltivatori e se ne andò in un paese straniero.

Cum autem tempus fructuum appropinquasset misit servos suos ad agricolas ut

34 Essendosi avvicinato il tempo dei frutti, mandò i suoi servi dai coltivatori, perché

acciperent fructus eius et agricolae apprehensis servis eius alium ceciderunt alium

ricevessero i suoi frutti. 35 E i coltivatori, presi i suoi servi, uno lo fecero a pezzi, un altro

occiderunt alium vero lapidaverunt iterum misit alios servos plures prioribus

lo uccisero, un altro lo lapidarono. 36 Di nuovo mandò altri servi in numero maggiore dei

et fecerunt illis similiter novissime autem misit ad eos filium suum dicens

primi e fecero a quelli la stessa cosa. 37 Da ultimo mandò loro il figlio suo dicendo:

verebuntur filium meum agricolae autem videntes filium dixerunt intra se hic

Avranno timore di mio figlio. 38 Ma i coltivatori vedendo il figlio, dissero tra loro: Questo

esr heres venite occidamus eum et habebimus hereditayem eius et apprehensum eum

è l’erede, venite, uccidiamolo, e avremo la sua eredità. 39 E dopo averlo preso lo

eiecerunt extra vineam et occiderunt cum ergo venerit dominus

gettarono fuori dalla vigna e l’uccisero. 40 Dunque quando sarà venuto il padrone

vineae quid faciet agricolis illis aiunt illi malos male perdet

della vigna, che cosa farà a quei coltivatori? 41 Gli dicono: Farà perire miseramente dei

et vineam suam locabit aliis agricolis qui reddant ei fructum

malvagi e darà in affitto la sua vigna ad altri coltivatori che diano a lui il frutto nei

temporibus suis dicit illis Iesus numquam legistis in Scripturis lapidem quem

tempi opportuni. 42 Dice a loro Gesù: Non avete mai letto nelle Scritture: Una pietra che

reprobaverunt aedificantes hic factus est in caput anguli a Domino factum est

scartarono i costruttori, questa è stata fatta come capo d’angolo: dal Signore è stato

istud et est mirabile in oculis nostris ideo dico vobis quia auferetur

fatto questo ed è meraviglioso negli occhi nostri? 43 Pertanto dico a voi, che sarà tolto

a vobis regnum Dei et dabitur genti facienti fructus eius et qui ceciderit super

a voi il regno di Dio e sarà dato a gente che farà il suo frutto. 44 E chi sarà caduto sopra

lapidem istum confringetur super quem vero ceciderit conteret eum

questa pietra, sarà schiacciato, quello invero sopra cui sarà caduta, lo distruggerà.

et cum audissent principes sacerdotum et pharisaei parabolas eius cognoverunt quod

45 E avendo sentito i capi dei sacerdoti e dei farisei le sue parabole, compresero che

de ipsis diceret et quaerentes eum tenere timuerunt turbas quoniam

parlava di loro stessi. 46 E mentre cercavano di catturarlo temettero le folle, perché lo

sicut prophetam eum habebant

consideravano come profeta

 

 

                                Matteo 21                          

 

Ed essendosi avvicinato a Gerusalemme ed essendo venuti a Betfage, presso il monte degli Olivi, allora Gesù mandò due discepoli 2 dicendo loro: Andate nel villaggio che è di fronte a voi e subito troverete un’asina legata e un puledro con essa, sciogliete e conducete a me; 3 e se qualcuno vi dirà qualcosa, dite che il Signore di questi ha bisogno e subito li rimanderà.

“Esce da Gerico, trascinando con sé un’enorme folla, e s’avvicina, dopo aver risanato i due ciechi a Gerusalemme, ricco di grandi meriti. Restituita la salute ai credenti, desidera entrare nella città della pace, nel luogo della visione di Dio, nella cittadella del contemplatore. Quando, avvicinandosi a Gerusalemme, giunse a Betfage, alla “casa delle mascelle” ( che era il villaggio dei sacerdoti e portava il marchio della fede, ed era situata sul monte degli Ulivi, dove si trova la luce della scienza e il riposo dalle fatiche e dai dolori ), mandò due discepoli, zeoretikòn kaì ‘ergastikòn, cioè la conoscenza e l’opera, perché andassero nel villaggio. E disse loro :”Andate nel villaggio che vi sta di fronte”. Stava di fronte agli apostoli e non voleva accettare il giogo del loro insegnamento. ”E subito - dice - troverete un’asina legata ed un puledro con essa; scioglietela e conduceteli a me”. L’asina era legata dai molteplici vincoli dei peccati; il puledro , che stava con la madre sciolto e insofferente dei freni, secondo il Vangelo di Luca aveva molti padroni, non era cioè soggetto ad un solo errore e a una sola falsa dottrina; e tuttavia i molti padroni che rivendicavano su di lui il loro illecito potere, vedendo il vero Signore e vedendo venire i suoi servi che erano stati mandati a sciogliere il puledro e l’asina, non osarono opporsi. Chi sia con precisione l’asina e chi sia il suo puledro, diremo più innanzi.” ( Gerolamo )

Nel momento in cui la storia della salvezza volge al suo epilogo finale il richiamo di Gesù alla salvezza si fa più pressante ed insistente, così da chiamare in causa gli stessi discepoli. Spettatori inerti e riluttanti al discorso della croce, ora non possono più sfuggire alla loro chiamata per la salvezza, e tutto devono operare con Gesù e in obbedienza a Gesù perché sia fatta la volontà del Padre, perché tutti siano ricondotti all’obbedienza della fede, così come sta scritto:

4 E tutto questo fu fatto, affinché si adempisse ciò che è detto attraverso il profeta che dice: 5 Dite alla figlia di Sion: Ecco il tuo re, viene a te mansueto, sedendo sopra un’asina e un puledro figlio di una bestia da giogo. 6 E andando i discepoli fecero come comandò loro il Signore. 7 E condussero l’asina e il puledro, e misero su quelli i loro vestiti e lo  fecero sedere sopra.

“Possiamo anche aggiungere che Cristo in quest’occasione adempie due profezie: una mediante i suoi atti, a l’altra con le parole. Adempie la prima profezia cavalcando un’asina; e la seconda, realizzando le parole del profeta Zaccaria, il quale aveva preannunciato che il re avrebbe cavalcato un’asina. E, nell’adempiere l’antica profezia, dà l’avvio a una nuova, prefigurando con i suoi atti ciò che sarebbe accaduto in avvenire. E cioè, Cristo qui preannuncia la chiamata dei gentili, vissuti sinora come animali impuri; in mezzo a loro egli si riposerà ed essi verranno a lui e lo seguiranno. Così la realizzazione di una profezia segna l’inizio di un’altra. Quanto a me, non credo che sia solo per questa ragione che Gesù compie il suo ingresso in Gerusalemme, cavalcando un’asina; con questo atto egli vuole darci un esempio di umiltà e di modestia. Cristo, infatti, non si limita solo ad adempiere le profezie e a seminare la dottrina di verità. Ma con questi esempi intende correggere la nostra vita, proponendoci a ogni occasione le norme della necessità, quanto all’uso e al bisogno delle cose, e rettificando in tutti i modi il nostro comportamento. Ecco perché, quando sta per nascere, non sceglie un magnifico palazzo, e neppure una madre ricca e illustre, ma una donna povera, che ha per sposo un falegname; nasce in una grotta e viene deposto in una mangiatoia. E per discepoli non sceglie oratori e saggi, né uomini ricchi e nobili, ma poveri, figli di poveri e del tutto sconosciuti... Qui il puledro raffigura la Chiesa e il popolo nuovo che fino a quel momento era impuro e che diviene puro quando Gesù si siede su di esso. E notate qui come si mantiene il rapporto tra l’immagine e la realtà. Gli apostoli sciolgono gli animali: sono infatti gli apostoli che hanno chiamato sia gli ebrei sia noi alla fede; e per mezzo loro siamo stati condotti a Cristo. E poiché la gloria della nostra vocazione ha suscitato l’emulazione dei giudei, ecco perché l’asina segue il puledro. Dopo che Cristo avrà posto il suo seggio sopra i gentili, i giudei, stimolati dal loro esempio, verranno anch’essi a Cristo.” ( Crisostomo )

“Gesù non ha potuto sedere su ambedue gli animali. O è montato sull’asina e il puledro è rimasto senza cavaliere, oppure, se si è servito del puledro, come sembra più logico, quale cavalcatura, l’asina è stata condotta con la sella vuota. Dunque, siccome tutto questo, stando alla lettera, o è impossibile o è strano, dobbiamo ricorrere a una spiegazione più elevata, per cui nell’asina, che era soggetta al giogo ed era stata domata e trascinava il giogo della Legge, vediamo la sinagoga; mentre il puledro, dissoluto e libero, è il popolo dei gentili. Su questo siede Gesù, dopo aver mandato loro due suoi discepoli, cioè uno ai circoncisi e uno ai gentili”. ( Gerolamo )

“Questo puledro e quest’asina, sui quali gli apostoli stendono le loro vesti perché Gesù sieda comodamente, prima della venuta del Signore erano nudi e, mentre molti rivendicavano la loro proprietà, tremavano dal freddo essendo scoperti. Ma, dopo essere stati rivestiti con gli abiti degli apostoli, diventano più belli; hanno il Signore come cavaliere. Negli abiti degli apostoli possiamo vedere l’insegnamento delle virtù, oppure l’interpretazione delle Scritture, oppure anche le molteplicità delle verità della chiesa. Se l’anima non è da tutte queste cose istruita e adornata, non merita di avere il Signore come cavaliere.” ( Gerolamo )

“Notiamo che il Signore non si mette a sedere direttamente sul puledro, ma sopra i mantelli degli apostoli. Infatti, dopo aver preso il puledro essi ormai danno tutto, facendo quello che dice Paolo, quando afferma: “Io spenderò ben volentieri del mio, e anche tutto me stesso darò per le anime vostre”. Osserviamo anche la mansuetudine del puledro che, non ancora domato e sottoposto al freno, non si ribella né scalcia, ma si lascia condurre senza opporsi. Dio ci insegna con questo l’obbedienza dei gentili e la loro rapida conversione a una vita degna e ordinata. Qui, in realtà, a compiere tutto è la parola di Cristo, che dice: “Scioglieteli e conduceteli a me”; in tale modo il disordine è ricondotto all’ordine e ciò che è impuro è purificato”. ( Crisostomo )

8 E moltissima folla distese i propri vestiti sulla via e altri tagliavano dei rami dagli alberi e ne facevano tappeto sulla via .

“Osservate la differenza tra le varie persone che seguono Gesù. Gli apostoli stendono i loro abiti sull’asino, mentre la folla, che è meno nobile, distende i suoi sotto gli zoccoli dell’asino, affinché questi non inciampi in qualche sasso, non calpesti qualche spina e non cada in una fossa.” ( Gerolamo )

“I rami avrebbero  potuto dare fastidio a colui che avanzava e intralciare il cammino di colui che si affrettava a entrare. Ma tutto un disegno profetico si dispiega e l’immagine del futuro è salvaguardata. Sono i rami dei pagani sterili, cioè i frutti dei pagani un tempo increduli, che sono stesi dagli apostoli sulla strada del Signore e che sono resi giusti dal passaggio del Salvatore. Egli cammina grazie ad essi e con i rami di una radice sterile viene reso un omaggio molto gradito a Dio che avanza”. ( Ilario )

Più semplicemente possiamo intendere che si rende omaggio a Gesù in due modi. Mettendo ai suoi piedi le nostre consuetudini ed abitudini di vita, perché siano a servizio del Signore e della sua chiesa, senza preoccuparci troppo della loro fine;  potando la nostra esistenza in ciò che ci è dato di tagliare perché i frutti del sacrificio facciano bello il cammino di Gesù ed egli possa rinnovarci ogni giorno con la sua presenza amorosa. E tutto questo in quell’armonia e sintonia  di cuori che si esprime nel nostro servizio alla chiesa, nella consapevolezza che vi è un unico Signore a cui la lode e la gloria nei secoli.

9 E le folle che precedevano e quelle che seguivano, gridavano dicendo: Osanna al Figlio di Davide, benedetto colui che viene nel nome del Signore, osanna negli altissimi.

“L’evangelista dicendo: “Le folle che lo precedevano e quelle che lo seguivano”, mostra che ambedue i popoli, cioè coloro che hanno creduto prima del Vangelo e coloro che hanno creduto dopo il Vangelo, lodano Gesù con un’identica confessione di fede e, secondo l’esempio della parabola dei lavoratori ingaggiati in diverse ore, ricevono lo stesso premio per la loro fede”. ( Gerolamo )

“Nel centodiciassettesimo salmo, in cui chiaramente si parla dell’avvento del Salvatore, tra l’altro si legge anche questo: “La pietra scartata dai costruttori è diventata pietra angolare. Dal Signore ciò è stato fatto, ed è un portento agli occhi nostri. Questo è il giorno che il Signore fece, rallegriamocene ed esultiamo”. E subito dopo il salmista aggiunge: “O Signore, salvami! O Signore, dammi fortuna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Benediciamo a voi dalla sua casa...” Al posto di ciò che si legge nella traduzione dei Settanta, “O Signore, salvami!”, nel testo ebraico leggiamo: “Anna adonai osianna”, che Simmaco più chiaramente di tutti traduce con “Ti scongiuro, Signore, salvami, ti scongiuro!”. Nessuno pensi dunque che la parola “Osanna” sia composta di due parole, una greca e una ebraica, poiché è solo una parola ebraica e significa che l’avvento di Cristo è la salvezza del mondo. Ad essa seguono le altre. “ Benedetto colui che viene nel nome del Signore!”, che il Salvatore stesso conferma nel Vangelo quando dice: “Son venuto nel nome del Padre mio, e non mi avete accolto. Un altro verrà in nome suo e lo riceverete”. Del pari chiare appaiono le altre parole: “Osanna”, cioè salvezza nel più alto dei cieli”, perché l’avvento di Cristo non significa soltanto la salvezza degli uomini, ma di tutto il mondo, in quanto le cose terrene vengono congiunte con le celesti” affinché si pieghi dinanzi a lui ogni ginocchio in cielo, in terra e negli inferi”. ( Gerolamo )

Nella lettera xx a papa Damaso Gerolamo dà un’interpretazione più ampia e dettagliata. Riportiamo alcune parti ad integrazione di quanto detto nel commento a Matteo: “ Molte e svariate sono le opinioni a riguardo dell’espressione “osanna”. Il nostro Ilario, ad esempio, nel commento a Matteo dice: “Osanna, in lingua ebraica, significa “redenzione della casa di Davide”. Ma redenzione in ebraico si dice pheduth, e casa beth. Che poi il nome di Davide non c’entri affatto con la parola in questione è cosa lampante. Altri hanno interpretato osanna per gloria; ma gloria si traduce chabod; altri ancora, invece, grazia, quando grazia si dice thoda, oppure anna. Lasciando da parte i ruscelli delle opinioni, non mi resta altra via che rivolgermi alla fonte diretta cui hanno attinto gli stessi Evangelisti: Infatti, come in nessun manoscritto greco o latino si trova il passo: “Affinché s’adempia quanto è stato detto dal Profeta: ed egli sarà chiamato Nazareno”, e l’altro: “Ho richiamato dall’Egitto il mio figlio”, così, anche in questo caso, è ai testi ebraici che occorre rivolgersi per scoprire il significato autentico di quell’acclamazione in cui proruppe la folla - e soprattutto la fitta schiera dei fanciulli - , come ce la riferisce Matteo: “La folla che precedeva e quella che lo seguiva, gridava dicendo: ”Osanna al Figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore; osanna nel più alto dei cieli!”.

Marco, invece, porta questa lezione: “Gridavano dicendo: ”Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore; benedetto il regno del padre nostro Davide! Osanna nel più alto dei cieli!”. Anche Giovanni è d’accordo e usa gli stessi termini: “Osanna ! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!”. L’unico a non riportare la parola osanna è Luca, che concorda però nel resto con gli altri evangelisti: ”Benedetto colui che viene nel nome del Signore; pace nei cieli e gloria in alto”. La prima ricerca da compiere, come già dicemmo, è fissare il senso preciso delle parole ebraiche, e classificare poi le diverse opinioni degli esegeti. Così anche chi legge, passando in rassegna tutto questo materiale, può scoprire da solo l’interpretazione esatta. Nel salmo 117 al versetto che dice: ”O Signore, salvami, o Signore, concedi prosperità; benedetto colui che viene nel nome del Signore, corrisponde in ebraico: Anna, adonai, osianna, anna adonai, aslianna; baruch abba basem adonai”. Aquila, Simmaco, Teodozione e la quinta versione traducono così ( riportiamo il testo greco per evitare variazioni dando la versione latina) : o dè kurie, soson dè, o dè kurie, eudoson dè, eulogetòs o’ erxomenos ev onòmati kuriou.

L’unica variante dal testo dei Settanta, si trova nella sesta versione, che al posto di ò dè, ha messo semplicemente ò. Che osianna ( da noi per ignoranza letto osanna ) voglia significare salva o rendi salvo, è confermato dalla traduzione concorde. Resta ancora una questione: che cosa significa il termine anna da solo, senza l’aggiunta del verbo salvare? Sappiamo che nel contesto di cui ci occupiamo, tre volte, tre volte viene usata l’espressione anna; la prima e la seconda volta è scritta con le stesse lettere: ateph, nun, he; mentre la terza volta con le lettere: heth, nun, he. Simmaco che nel presente Salmo 117 è d’accordo con l’interpretazione comune, nel Salmo 114, per illuminare il significato di quel termine, al versetto: ”O Signore, libera la mia anima”, traduce:”Ti scongiuro, Signore, libera la mia anima!”. Ora dove i Settanta hanno o dè, l’ebraico scrive anna, ma con la lettera iniziale aleph, e non het. Da tutto questo possiamo concludere che anna, quando è scritta con aleph, significa ti prego; se invece scritta con heth, è una congiunzione oppure una interiezione, indicata dai Greci con dè, come nell’espressione soson dè, intraducibile in latino...  La parola osianna invece, essendo intraducibile in greco, è stata riportata nell’originale ebraico, trascrivendo appunto osianna, sorte che è capitata pure all’espressione alleluia, amen, e parecchie altre. Ma Luca il più erudito degli evangelisti in lingua greca - era medico e aveva scritto il suo Vangelo in territorio greco -, vedendo che era impossibile tradurre questa particolarità idiomatica, pensò che era meglio tralasciarla, anziché usare una parola che ponesse problemi linguistici al lettore.

Riassumo. Nella lingua latina esistono delle interiezioni: la gioia si esprime con ua, la meraviglia con papae, il dolore con heu, e per imporre il silenzio spingiamo con forza il fiato contro i denti e fischiamo st. Anche gli Ebrei, fra le altre peculiarità della loro lingua, posseggono questa interiezione. Volendo scongiurare il Signore, per esprimere con più forza la supplica dicono: “Anna, Signore, che i Settanta traducono: ”O Signore”. Osi, in conclusione, significa salva; anna è una interiezione di supplica. Se con queste parole vuoi formare una composta, otterrai osianna, o come diciamo noi, osanna, elidendo la vocale mediana come siam soliti fare nella lettura dei versi; così: “mene incepto desistere victam”, scandendo si legge: “men incepto...” Aleph, con cui inizia la parola seguente, incontrando la vocale finale della parola precedente, l’elimina... ( Gerolamo Lettera xx )

10 Ed essendo entrato in Gerusalemme, tutta la città fu in movimento dicendo: Chi è questo? 11 Ma le folle dicevano: Questi è Gesù il profeta, quello da Nazaret di Galilea.

“All’entrata di Gesù con tutta la folla, la città di Gerusalemme si commuove, stupefatta per il numero delle persone che lo accompagnano e ignara del motivo di tanta affluenza, e si chiede: “Chi è costui?”. Domanda che equivale a quella che in altro luogo gli angeli si pongono: “Chi è questo re della gloria?”. Mentre gli altri dubitano e interrogano, la povera plebe confessa e, cominciando dal meno per giungere al più, dice: “E’ Gesù il profeta di Nazaret di Galilea”. E’ il profeta che Mosè aveva predetto che sarebbe venuto, in tutto simile a lui; è il profeta che i greci, nella loro lingua, scrivono premettendo l’articolo. Viene designato come profeta di Nazaret di Galilea, perché è qui che è stato educato: affinché il fiore di campo venisse nutrito col fiore di virtù”. ( Gerolamo )

12 Ed entrò Gesù nel tempio di Dio e andava cacciando tutti quelli che vendevano e compravano nel tempio, e rovesciò le tavole dei cambiavaluta  e le sedie dei venditori di colombe 13 e dice loro: Sta scritto: La mia casa sarà chiamata casa di preghiera, ma voi ne avete fatto una spelonca di ladroni.

Entra Gesù, nella città santa, nel tempio di Dio. E chi mai può aver accesso al cuore del Padre, se non il Figlio e coloro che ascoltano la Sua Parola? Non può stare nella casa del Signore chi è tutto preso dai propri interessi materiali, né tanto meno chi fa mercato delle cose del cielo, per arricchire dei beni di questo mondo. Si entra nel tempio di Dio vendendo i beni materiali, per acquistare quelli celesti.  Non ci può essere baratto né contrattazione alcuna, ma soltanto l’offerta di tutto ciò che possediamo, per essere arricchiti dei doni del Signore. Certo la chiesa è luogo di scambio, ed è fatta per vendere e per acquistare. Vendiamo ciò che non ha valore  e acquistiamo gratuitamente la grazia divina. Ma c’è chi non comprende e vende ed acquista in modo sbagliato. E Gesù è costretto a cacciare dalla sua casa coloro che non hanno il cuore puro, così allora come adesso. “Andava cacciando”, per significare un’azione non compiuta e conclusa, ma che si ripete e continua nel tempo. Ciò che è detto in senso materiale può essere inteso anche in senso spirituale. Tutto ciò che si dà al Padre per avere la sua grazia non può essere in qualche modo venduto, ma piuttosto perduto. Si vende ciò che ha di per sé valore, si perde ciò che non ha nessun valore. Chi vende qualcosa che gli appartiene dà peso e valore a ciò che è oggetto di scambio. Chi offre la propria vita a Gesù lo fa soltanto per perderla, perché di nessun valore ai propri occhi. Confida e vede soltanto l’amore misericordioso del Signore, non stima e non considera le proprie opere, se non come degne di riprovazione. Davanti a Dio non si vende né si compra, né tanto meno si baratta. Non si può in alcun modo barattare ciò che ci appartiene in nostro con il dono di Dio. Non c’è cambio di moneta e non c’è posto per i cambia valute, anche se sono chierici e promettono la vita eterna in cambio di offerte materiali. E’ bello e santo offrire alla chiesa i propri beni materiali, ma lungi da noi la convinzione che si possa comprare la vita eterna coi beni di questo mondo o con le nostre buone opere. E neppure ci salvano le offerte che sono secondo lo spirito della Legge e coloro che siedono nella chiesa per esse e in virtù di esse. E’ riprovato chi vende , chi compra, chi baratta ma anche chi confida nei sacrifici. La casa di Dio è casa di preghiera e non spelonca di ladroni; é rifugio per coloro che vogliono arricchire dei beni celesti, non nascondiglio per coloro che vogliono arricchire dei beni materiali, in nome di Dio e con la sua benedizione.

“Anche l’evangelista Giovanni riferisce questo fatto; ma, mentre egli lo riporta all’inizio del vangelo, Matteo lo narra alla fine. Questo induce a ritenere che l’episodio, di cui si parla, si sia verificato due volte e in tempi diversi; e lo provano, oltre che i tempi diversi, anche le risposte diverse. Giovanni riferisce che il fatto avviene nel tempo della festa di Pasqua, mentre in Matteo siamo lontani dalla Pasqua. In Giovanni si dice che i giudei chiedono a Gesù: ”Qual segno ci mostri?”; In Matteo invece essi tacciono, sebbene siano stati ripresi: tacciono a causa della grande ammirazione che tutti ormai hanno per Cristo. Questa accusa contro i Giudei era ancor più grave. Benché Gesù abbia agito così una e due volte, i giudei continuano nel loro traffico, e fanno passare il Salvatore per nemico di Dio, mentre avrebbero dovuto convincersi dell’onore che egli rendeva a Dio e della sua personale potestà. Cristo infatti ha già compiuto miracoli, ed essi hanno constatato che le sue parole corrispondevano perfettamente alle sue azioni... ( Crisostomo )

14 E si avvicinarono a lui ciechi e zoppi nel tempio, e li guarì.

Molti stanno seduti nel tempio, ogni giorno, ma non si avvicinano al Signore, perché il loro cuore è altrove e non vogliono essere guariti. Non c’è miracolo se non per chi è cieco, cioè incapace di vedere il proprio bene e per chi è zoppo, cioè incapace di andare da solo al Padre, senza l’aiuto del Figlio. I doni di Dio sono soltanto per i poveri, per coloro che conoscono e riconoscono il proprio peccato e la propria miseria, non semplicemente andando alla chiesa, ma avvicinandosi a colui che è unico capo della chiesa. E’ il Signore che salva, non l’uomo, anche se siede ogni giorno nella casa di Dio, ma solo per arricchire dei beni materiali, promettendo e barattando una salvezza di cui nessuno è dispensatore se non il Figlio.

“Dobbiamo per prima cosa sapere che, in ossequio ai precetti della Legge, nel tempio del Signore, santissimo in tutto il mondo e al quale affluiva il popolo da tutte le regioni della Giudea, s’immolavano innumerevoli vittime, soprattutto nei giorni di festa: tori, arieti, caproni. Anche i poveri, per non essere esclusi dal far sacrifici, offrivano tortore e giovani colombe, Accadeva che molti, venendo da lontano, arrivavano al tempio senza avere con sé le vittime; perciò i sacerdoti avevano pensato di trarre un guadagno da questo fatto: vendevano gli animali per i sacrifici a chi non aveva con sé vittime da offrire, e se li riprendevano poi quando i fedeli li avevano acquistati. Questa loro astuzia trovava però spesso un ostacolo nella miseria dei fedeli che mancavano di mezzi e non soltanto non avevano con sé le vittime da offrire, ma non avevano neppure il denaro per comprare qualche uccello o qualche povero dono. Perciò i sacerdoti avevano messo nel tempio dei cambiavalute, che davano denaro in prestito sotto garanzia. Ma poiché era stabilito che nessuno praticasse l’usura, e il denaro prestato ad interesse, non essendo commerciabile, non costituiva per i sacerdoti un utile, mentre c’era il rischio di rimetterci il capitale, avevano escogitato un’altra trappola, sostituendo ai cambiavalute i “collibisti”, parola che non ha termine corrispondente in latino. Presso costoro i “colliba”, corrispondevano a quelli che noi chiamiamo “tragemata”, cioè piccoli doni: per esempio ceci fritti, uva passa, frutta di diverso genere. Orbene poiché non potevano accettare i profitti dell’usura, i “collibisti”, che prestavano denaro ad interesse, accettavano, al posto dell’interesse, offerte di varia specie, pretendendo che ciò che non poteva essere offerto loro in denaro venisse loro ugualmente dato con questi regali che venivano acquistati lì per lì; come se Ezechiele non avesse condannato proprio questi traffici, dicendo: “Non accettare l’usura e l’interesse”. Il Signore dunque, scorgendo nella casa del Padre traffici di questo tipo, o meglio tali latrocini, spinto dall’ardore del suo spirito ( secondo quanto leggiamo nel salmo: “Lo zelo per la tua casa mi ha consumato” ), si fece una frustra di corda e scacciò dal tempio quella masnada di trafficanti dicendo: “Sta scritto: “La casa mia è casa di preghiera”; ma voi ne fate una spelonca di ladri”. E’ ladro, infatti, e trasforma il tempio di Dio in una spelonca di ladri, chi ricava lucro dalle cose sacre, colui per il quale il culto non è tanto onore reso a Dio, ma occasione di commercio. Questo secondo l’interpretazione storica; ma secondo il significato mistico di questo episodio, ogni giorno Gesù entra nel tempio del Padre e dalla sua chiesa scaccia tutti, e vescovi, e presbiteri e diaconi, e laici e tutta la folla, perché colpevoli dello stesso crimine sono sia coloro che vendono sia coloro che comprano. Sta scritto infatti: “Gratuitamente avete ricevuto, e gratuitamente date”. Rovescia anche le tavole dei cambiavalute: nota che per l’avarizia dei sacerdoti gli altari di Dio sono qui chiamati tavole dei cambiavalute. Rovescia anche i banchi dei venditori di colombe, cioè di coloro che vendono la grazia dello Spirito Santo e non trascurano nulla pur di rapinare e divorare i popoli loro soggetti. Questi tali il salmista li ha definiti così: “Sono coloro che divorano il mio popolo come un pezzo di pane”. Per il significato letterale dobbiamo osservare che le colombe non stavano sui banchi, ma nelle gabbie, mentre ai banchi stavano forse seduti i venditori di colombe. E qui sta l’assurdo: la dignità connessa coi banchi, con le cattedre dei maestri, qui è ridotta a zero, perché è stata mescolata al guadagno. Quanto abbiamo detto della chiesa, ciascuno intenda come detto a sé. C’insegna infatti l’Apostolo: “Voi siete il tempio di Dio, e lo Spirito Santo abita in voi”. Non esistano dunque nella casa del vostro cuore il commercio, i traffici di venditori e di compratori, la cupidigia dei doni, se non vogliamo che Gesù vi entri inesorabilmente indignato e purifichi il suo tempio impugnando la sferza, per fare di quella che è diventata una spelonca di ladri e una casa di traffici, la casa della preghiera”. ( Gerolamo )

15 Ma vedendo i capi dei sacerdoti e gli scribi le meraviglie che aveva fatto e i fanciulli che gridavano nel tempio e dicevano: Osanna al figlio di Davide si sdegnarono 16 e gli dissero: Senti quello che costoro dicono? E Gesù disse loro: Certamente! Non avete mai letto che dalla bocca di infanti e lattanti hai portato a perfezione la lode? 17 E abbandonati quelli, andò fuori dalla città a Betania e qui rimase.

I fanciulli danno lode al Signore, perché vedono e comprendono le meraviglie operate dal Signore; i capi dei sacerdoti e gli scribi vedono e non comprendono e si sdegnano per la lode dei piccoli. Chi si reputa grande non tiene in nessuna considerazione chi è piccolo. E neppure se la prende con lui, ma con chi che è responsabile del suo inganno. Così la mancanza d’amore vede il plagio quando la lode è rivolta al Signore e non all’uomo. Quale follia più grande che rinfacciare al Signore la lode dei suoi figli, quando è l’unico dono a Lui gradito? E cosa altro possiamo dare al Signore? Ma c’è chi confida nelle proprie opere e non accetta il confronto, né si lascia illuminare ma contende con il Signore. “Senti quello che costoro dicono?” E come non potrebbe sentire il Signore la lode di coloro che lo amano e accolgono la Sua salvezza?  Quale meraviglia, se non per la gioia? E quale novità?  Non solo tutto questo è in sintonia con la parola del Signore, ma il salmo va ben oltre allorché dice:  “Non avete mai letto che dalla bocca di infanti e lattanti hai portato a perfezione la lode?” La lode ultima e più piena non è stata posta semplicemente sulla bocca dei fanciulli, ma ancor più e ancor prima sulla bocca degli infanti e dei lattanti. E quale lode in coloro che ancora non sanno parlare, se non quella del cuore? Perché la bocca di ognuno parla per la sovrabbondanza del cuore, non importa come, ma quando e per chi. Non c’è possibilità di dialogo e di confronto per chi non dà lode al Signore, e neppure si lascia coinvolgere dalla fede dei piccoli.

“Giustamente si dice “dalla bocca”, perché ciò che i fanciulli dicono non viene dalla loro intelligenza, ma dalla potenza di Cristo stesso, che muove le loro tenere lingue. Questo è figura dei gentili che, ancora balbettanti, all’improvviso dicono cose grandi con intelligenza e con fede: il che dà agli apostoli una non piccola consolazione. Affinché essi non si chiedano un giorno come, essendo ignoranti e rozzi, potranno annunciare il messaggio evangelico, i fanciulli li prevengono, togliendo loro ogni angustia, infondendo coraggio e facendo loro comprendere che colui che ha fatto cantare ai fanciulli quelle lodi darà anche a loro la parola per annunciare la buona novella”. ( Crisostomo )

E abbandonati quelli, andò fuori dalla città a Betania e qui rimase.

Viene il tempo in cui il Signore abbandona la città santa e pone la sua dimora fra i Gentili, perché Israele vede, ma non vuole comprendere, né si lascia illuminare dal suo Signore. “ Abbandona gli increduli, esce dalla città dei suoi oppositori e va a Betania, - parola che possiamo tradurre con “città dell’obbedienza” e che già quindi prefigura la vocazione dei gentili, - e ivi si trattiene, perché non può fermarsi in Israele. Dobbiamo qui capire che Gesù era povero, che nessuno ricercava la sua amicizia. In quel grosso centro della Giudea non si trova uno che lo ospiti, non c’è casa che lo accolga, per cui si ritira nel piccolo podere, nella piccola casa di Lazzaro e delle sue sorelle, che stavano appunto nel villaggio di Betania”. ( Gerolamo )

18 Al mattino tornando nella città, ebbe fame.

“Passate le tenebre della notte, mentre splende piena la luce del mattino ed è prossimo il mezzogiorno nel quale il Signore si preparava a illuminare il mondo con la sua passione, mentre se ne torna in città, è preso dai morsi della fame, sia perché vuol mostrare la realtà della sua carne umana, sia perché ha fame della salvezza dei credenti e brucia per l’incredulità d’Israele. A questo punto vede un albero ( in cui noi intravediamo la sinagoga e il luogo d’incontro dei giudei ) lungo la via”. ( Gerolamo )

19 e vedendo un solo albero di fico lungo la via si avvicinò a esso e non trovò in esso niente, se non delle foglie soltanto e gli disse: Non nasca mai da te frutto in eterno. E fu seccato immediatamente l’albero di fico. 20 E vedendo i discepoli si meravigliarono dicendo: In qual modo si è seccato immediatamente? 21 E rispondendo Gesù disse loro: In verità dico a voi, se avrete fede e non esiterete, non soltanto farete ciò del fico, ma anche se direte a questo monte: Alzati e gettati in mare, sarà fatto. 22 E tutte quelle cose che chiederete nella preghiera, credendo, le riceverete.

Nel cammino della salvezza Gesù incontra un solo albero e a quest’albero affida i frutti che danno la vita. Ma si è inaridito il cuore di Israele, e non ha dato i frutti della giustizia, ma soltanto le foglie della propria vanità e presunzione. L’albero che non porta frutto fa sfoggio della bellezza delle proprie foglie, ma non è gradito al Signore, perché non è fecondo e non dona il cibo che dà la vita. Così Israele, unico depositario della promessa divina, ha conservato la parvenza della vita, ma è una vita fine a se stessa che si ammanta di un inutile splendore e che è destinata a perire senza discendenza. Fattosi bello con la Parola del Signore è cresciuto in sé e per sé, chiuso all’amore del Padre e privo di quei frutti che sono graditi a Dio. E quali frutti sono graditi a Dio, se non quelli che vengono da un cuore umile e contrito per il proprio peccato? Ma l’inganno è pur destinato a perire per opera del Figlio, che non tollera una chiesa che non rende gloria al Padre né dona agli altri uomini i frutti dell’amore divino.

Non nasca mai da te frutto in eterno. E fu seccato immediatamente l’albero di fico. E vedendo i discepoli si meravigliarono dicendo: In qual modo si è seccato immediatamente?

“Esso aveva infatti la Legge, e perciò stava lungo la via; ma poiché non credeva nella via, Gesù s’avvicina all’albero, che sta immobile, non possedendo i piedi del Vangelo; ma non trova niente in esso, se non foglie, lo strepito delle promesse, le tradizioni farisaiche, l’orgoglio della Legge e l’orpello delle parole: non c’è alcun frutto di verità. Per questo un altro evangelista dice che “non era ancora il tempo”: o perché non era ancora venuto il tempo della salvezza d’Israele in quanto non ancora il popolo dei Gentili era subentrato nella fede, o perché il tempo della fede era passato, dato che questa, dapprima giunta a esso e da esso disprezzata era passata ai gentili. E gli disse: ”Da te non nasca più frutto in eterno!”, oppure “nel tempo”, dato che la parola greca aiòn ha entrambi i significati. E il fico inaridisce perché, mentre il Signore ha fame, non ha con sé i frutti che egli desidera. Così, inaridiscono le sue foglie; ma il tronco rimane, e , coi rami spezzati, rimane viva anche la radice, perché nell’ultima stagione, se si risolverà a credere, possa germogliare i nuovi virgulti della fede, adempiendo così le parole della Scrittura, che dice: “C’è speranza per l’albero”. Secondo la lettera, il Signore che si apprestava a patire per gli uomini e ad addossarsi lo scandalo della croce, compiendo tale miracolo, volle rafforzare gli animi dei discepoli. Ecco perché i discepoli si meravigliano e dicono: Come mai si è seccato all’istante?”. Con questa stessa potenza il Signore avrebbe potuto anche sterminare i suoi nemici; ma aspettava che essi si salvassero per mezzo della penitenza”. ( Gerolamo )

“Dato che non è la stagione in cui il fico porta i frutti ( vedi Mc. 11,13 ), non ha senso identificare, come alcuni hanno fatto, la legge nell’albero: ché il frutto della legge è la fede e il tempo di tale frutto è già venuto e ha difatti portato la fede. Lo manifesta Gesù stesso quando dice: “I campi già biondeggiano di messi pronte per la mietitura”, e quando dichiara ai discepoli: ”Io vi ho mandato a mietere ciò che voi non avete lavorato”. Niente di tutto questo è dunque sottinteso, ma si manifesta qui, come ho detto, la potestà punitrice. E lo confermano queste parole: ”Non era tempo”. Tale precisazione ci mostra che Gesù si avvicina al fico, non perché abbia fame, ma a motivo dei suoi discepoli, i quali restano fortemente impressionati del prodigio, benché se ne siano verificati già molti di più grandi. Ma, come ho detto, questo appare del tutto nuovo, in quanto con esso, per la prima volta, Cristo manifesta la sua potenza punitrice. Per operare questo miracolo egli sceglie l’albero più di ogni altro ricco di linfa, e in tal modo il prodigio appare ancora più straordinario. Infine perché tu apprenda che effettivamente egli opera ciò per infondere fiducia negli apostoli, considera le parole che dice in seguito. Che cosa dice dunque? Voi farete cose anche più grandi, solo che vogliate credere e abbiate fede nella preghiera. Vedi che tutto è stato fatto per loro, perché non abbiano timore e paura delle insidie? Ecco perché Gesù afferma ciò per la seconda volta, volendo inchiodarli alla fede e alla preghiera”. ( Crisostomo ).

Le argomentazioni del Crisostomo, se pur consone ad una interpretazione letterale, e in questo senso confermate da Gerolamo, ci sembra che non colgano il senso spirituale più proprio. E’ indubbio e fuori discussione che, condannando il fico a seccarsi, Gesù non condanna affatto la Legge mosaica. E non potrebbe essere altrimenti.  La Legge porta a Cristo e conclude nel Cristo: non è l’alternativa al Suo amore e alla Sua salvezza. Ma vi è anche un rapporto sbagliato con essa. I giudei che vivono per la Legge, non produrranno mai i frutti della giustizia e sarà la parola stessa di Dio a condannarli alla sterilità e alla morte eterna, a meno che non si ravvedano e accolgano il Salvatore.

E rispondendo Gesù disse loro: In verità dico a voi, se avrete fede e non esiterete, non soltanto farete ciò del fico, ma anche se direte a questo monte: Alzati e gettati in mare, sarà fatto. E tutte quelle cose che chiederete nella preghiera, credendo, le riceverete.

Il Signore che condanna lo spirito della Legge ad essere sterile per sempre, ci dona la grazia di far perire in noi ogni attaccamento alla nostra giustizia, ma  ancor più ci libera dal peccato e ci dona la vita nuova. La fede nell’uomo deve cedere il posto alla fede nella potenza di Dio: una fede diversa perché rivolta a Colui che è diverso. E bisogna fare violenza a se stessi e alla propria riluttanza ad entrare in un’altra vita. Esita a credere in Dio chi crede ancora nelle proprie forze e nella possibilità di una salvezza che è opera dell’uomo. La fede in Dio  va di pari passo con la mancanza di fede in noi stessi. Non ha nulla a che vedere con la fede di tipo psicologico, che è convinta di poter ottenere da Dio, senza far dono della propria vita. Alziamoci finalmente dal nostro stato di morte, per buttare a mare tutti i nostri peccati, perché il Signore faccia nuove tutte le cose. Chiediamo con fede viva e pronta la liberazione dal maligno, e ci sarà fatto. Non c’è liberazione dalla vita vecchia che non porti con sé i doni della vita nuova, ma soltanto nella misura della fede e della nostra preghiera. Per questo Gesù aggiunge: “E tutte quelle cose che chiederete nella preghiera, credendo, le riceverete”. Ci sarà dato tutto ciò che è conforme alla volontà di Dio, nella misura della nostra fede. Vi è una misura del dono che è senza limiti, e vi è una misura che è data dalla nostra fede. Tutto ci sarà dato, ma bisogna confidare nel Signore e supplicare il suo volto.

“Noi scorgiamo nel monte di cui si parla, il diavolo superbo, che si gonfia d’orgoglio contro il suo Creatore, e che appunto dal profeta è chiamato corrotto. E quando il demonio si sarà impadronito dell’anima dell’uomo e in essa avrà messo radici, potrà essere scacciato via dagli apostoli e da coloro che sono simili agli apostoli, ed essere buttato in mare, cioè tra i flutti salsi e amari che nulla hanno della dolcezza di Dio. La stessa cosa leggiamo anche nei salmi: “Non ci spaventeremo quando la terra sarà sconvolta e i monti saranno gettati nel profondo del mare”. ( Gerolamo )

23 Ed essendo venuto nel tempio, si avvicinarono a lui che stava insegnando  i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo, dicendo: In quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?

“Con diverse parole ripetono la stessa calunnia che avevano formulato prima, quando avevano detto: ”Costui scaccia i demoni in nome di Beelzebub, principe dei demoni”. Dicendo infatti: ”Con quale autorità fai queste cose?”, mostrano di dubitare dell’autorità di Dio e vogliono sottintendere che quanto fa è di origine diabolica. Aggiungendo poi: ”Chi ti ha dato questo potere?”, chiaramente negano che egli sia il Figlio di Dio, in quanto mostrano di credere che non è con le sue forze, ma con quelle altrui che opera i miracoli”. ( Gerolamo )

I capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo si avvicinano a Gesù che sta insegnando nel tempio, non per ascoltare la sua parola, ma per metterla in discussione. Non si preoccupano innanzi tutto di comprendere, ma interrogano, per giudicare. Non credono nella Parola che è figlia della verità, ma in quella che viene dall’autorità. E perché mai chi ha autorità da Dio, dovrebbe rispondere a chi ha autorità dall’uomo? Non c’è autorità che non venga da Dio e che non debba essere giudicata da Dio, tanto più quella religiosa  e quella che è figlia del tempo. E’ il Signore che deve vagliare la nostra verità, non viceversa. Spetta a lui interrogare e smascherare ogni falsità; ma non c’è possibilità di dialogo con chi non vuole ascoltare e ha il cuore indurito. La domanda dei capi dei sacerdoti e degli anziani del popolo, lascia intendere uno spirito e una volontà di sottomissione, ma non certo ad un’autorità che venga direttamente da Dio e non debba essere vagliata dall’uomo. Ogni risposta e ogni spiegazione sarebbe del tutto inutile, confermerebbe l’errore dell’uomo e indurirebbe ancor più il suo cuore. Meglio interrogare e smascherare l’inganno che viene dal Maligno.

24 Rispondendo Gesù disse loro: Vi farò anch’io una domanda. Se mi risponderete a questa, anch’io vi dirò in quale autorità faccio queste cose.                                    

E’ lecito e giusto porre domande al Signore, ma nello spirito di chi vuol essere giudicato e accoglie la parola, non per soffocarla, ma per farla radicare e crescere nel proprio cuore. Chi interroga la parola per giudicare sarà da essa giudicato, senza possibilità di conciliazione o mediazione alcuna. Infatti o la parola viene da Dio e allora dobbiamo soltanto ascoltare, o viene dall’uomo e allora si giudica da se stessa senza chiamare in causa il Signore. Gesù smaschera il cuore doppio, che ostenta la fede in Dio e nutre di nascosto la fede nell’uomo. Vi è una schiavitù dell’uomo all’uomo che non può e non vuole comprendere ciò che viene dal cielo.

25 Il battesimo di Giovanni donde era? Dal cielo o dagli uomini? Ma quelli ragionavano fra di loro dicendo: 26 Se diciamo: Dal cielo, dirà a noi: Perché dunque non gli avete creduto? Se invece diremo: Dagli uomini. Temiamo la folla: infatti tutti consideravano Giovanni come profeta. 27 E rispondendo A Gesù dissero: Non lo sappiamo.

Non possono rispondere - dal cielo -, perché non credono e non vogliono convertirsi dalla propria malvagità. Non possono rispondere - dagli uomini -, perché non sanno confrontarsi con la fede delle masse né hanno la forza e il coraggio per andare contro ciò che è comunemente creduto e tenuto in considerazione dalle folle. Falsi nei confronti di  Dio, falsi nei confronti dell’uomo. Meglio ascoltare il Signore e non provocare la sua parola. Guai a coloro che pongono domande di verità, ma non sanno e non vogliono dare risposte di verità! Si nascondono nella falsa umiltà di chi afferma di non sapere, quando la luce splende davanti agli occhi di tutti. Misero uomo, continuerai a ricercare la verità in te stesso, a fare professione della tua piccolezza e della tua incapacità a capire? Perché non doni la tua povertà al Signore e perché non accogli la sua salvezza? A nulla giova un’umiltà senza fede. Meglio dar lode al Signore e non scrutare gli arcani del suo amore, perché Egli non abbia a rispondere alla nostra falsità, col silenzio della Sua parola.

Disse loro anch’egli : Neanche io dirò a voi in quale autorità faccio queste cose.

“Essi hanno mentito dicendo di non saperlo. Era giusto perciò che conseguentemente alla loro risposta anche il Signore dicesse: - Neppure io lo so -. Ma la verità non può mentire, e quindi dice: “Neanche io vi dico”. Con queste parole mostra che essi lo sanno, ma non vogliono rispondere, e che anche lui lo sa ma non vuole dirlo, perché essi tacciono ciò che sanno; e immediatamente propone una parabola, con cui rimprovera la loro empietà e insegna che il regno di Dio sta per passare ai gentili”.

28 Cosa vi pare? Un uomo aveva due figli e avvicinandosi al primo disse: Figlio, vai oggi a lavorare nella mia vigna. 29 Ma quello rispondendo disse: Non voglio, ma poi spinto dal pentimento andò. 30 E avvicinandosi all’altro disse la stessa cosa. E quello rispondendo disse: Vado, o Signore, e non andò. 31 Chi dei due ha fatto la volontà del padre? Gli dicono: Il primo. Dice loro Gesù: In verità dico a voi, che i pubblicani e le prostitute vi precederanno nel regno di Dio. 32 E’ venuto infatti a voi Giovanni nella via della giustizia, e non gli avete creduto, ma i pubblicani e le prostitute gli hanno creduto, ma voi, vedendo, neppur dopo avete fatto penitenza così da credere in lui.

Questi due figli, di cui si parla anche nella parabola di Luca, sono uno onesto, l’altro disonesto; di essi parla anche il profeta Zaccaria con le parole: “Presi per me due verghe: una la chiamai onestà, l’altra la chiamai frusta, e pascolai il gregge”. Al primo, che è il popolo dei gentili, viene detto, facendogli conoscere la legge naturale: “va’ a lavorare nella mia vigna”, cioè non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te: Ma egli, in tono superbo, risponde: “Non voglio”. Ma poi, all’avvento del Salvatore, fatta penitenza, va a lavorare nella vigna del Signore e con la fatica cancella la superbia della sua risposta. Il secondo figlio è il popolo dei giudei, che rispose a Mosé: “Faremo quanto ci ordinerà il Signore”, ma non andò nella vigna, perché, ucciso il figlio del padrone di casa, credette di essere divenuto l’erede. Altri però non credono che la parabola sia diretta ai giudei e ai gentili, ma semplicemente ai peccatori e ai giusti: ma lo stesso Signore, con quel che aggiunge dopo, lo spiega”. ( Gerolamo )  E’ indubbio che Gesù vuol fare un confronto fra la chiamata dei giudei e quella dei gentili. Stupisce il fatto che sia invertito l’ordine temporale ed è questa indubbiamente una novità rispetto al consueto modo di procedere della parola del Signore. Abbiamo visto che Gerolamo spiega la priorità di tale chiamata nel senso della legge naturale, che è data ai gentili prima ancora della Legge mosaica. Più opportunamente ci sembra che tale capovolgimento  si debba interpretare, alla luce del paradosso, in senso spirituale, così come lascia chiaramente intendere la conclusione di Gesù. “In verità dico a voi che i pubblicani e le prostitute vi precederanno nel regno dei cieli”.  Questi peccatori sono figura del popolo dei gentili, perché parimenti disprezzati dagli ebrei. Ma viene il tempo in cui l’amore di Dio si manifesta in tutta la sua pienezza ed ecco allora che gli ultimi diventano i primi, accogliendo la parola del Salvatore, mentre i primi, col loro rifiuto della salvezza, diventano gli ultimi. A nulla giova vantare l’elezione divina e le promesse di fedeltà, quando poi si disubbidisce alle parole del Signore. Si deve cedere il posto d’onore a chi è più pronto nella fede, nonostante l’infedeltà passata. E’ giunto ormai il tempo della vita nuova; non dormiamo sugli allori: non ci salveranno gli splendori del passato, se non ci mettiamo alla sequela del Cristo. Ma perché mai il primo figlio obbedisce, mentre l’altro, nonostante la proclamata fedeltà, alla fine cade nella più totale disobbedienza e negligenza del comando divino? Che cosa fa la differenza? La volontà dell’uomo così fragile e inconsistente, sempre pronta a mutare o la grazia di Dio che ci spinge al ravvedimento? Vi è una pervicace ostinazione nel peccato e una mancanza di buona volontà che può essere piegata soltanto dalla grazia del Signore, purché ci pentiamo e ci ravvediamo del nostro peccato. Non c’è volontà così malvagia e perversa che il Signore non possa cambiare e convertire al Suo amore. Meglio una volontà inconsistente, ma consapevole della propria miseria di una volontà fiduciosa in se stessa e della propria capacità di obbedienza. La differenza non è data dalla nostra volontà, ma dal nostro pentimento. “Ma poi spinto dal pentimento ci andò”. Se la nostra volontà ci tira indietro, la grazia di Dio ci spinge avanti. Non confidiamo in noi stessi e non vantiamo una giustizia che non ci appartiene, ma confessiamo umilmente il nostro peccato, ed allora il Signore si prenderà cura di noi e cambierà il nostro cuore. Ciò che è impossibile all’uomo è possibile a Dio. Guai a coloro che credono nella propria volontà: non esiste una buona volontà, se non quella che è tale per grazia di Dio. Gli ultimi che accolgono il Signore si trovano all’improvviso al primo posto e diventano esempio e modello di santità per gli altri. E’ questo ciò che Gesù vuol fare intendere ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo.

Devono perdere la loro presunzione di giustizia e seguire l’esempio di coloro che sono stati messi da Gesù al primo posto.

Dice loro Gesù: In verità dico a voi, che i pubblicani e le prostitute vi precederanno nel regno di Dio. E’ venuto infatti a voi Giovanni nella via della giustizia, e non gli avete creduto, ma i pubblicani e le prostitute gli hanno creduto, ma voi, vedendo, neppur dopo avete fatto penitenza così da credere in lui.

Nella nuova economia della salvezza la parola di Giovanni, prende il posto di quell’annuncio che è già racchiuso nella Legge mosaica: sono dati e mandati dal Padre per preparare i cuori alla venuta del Figlio. Perché mai i detentori della Legge non hanno creduto a Giovanni e non hanno accolto nella sua parola l’annuncio dell’unica salvezza? Forse che Giovanni ha detto qualcosa di diverso, rispetto all’Antico? Non è la sua parola in piena sintonia e conformità a quanto sta scritto? Eppure i pubblicani e le prostitute, pur non vantando la conoscenza e l’osservanza della Legge, gli hanno obbedito. La storia va scritta daccapo, partendo da Giovanni e da coloro che hanno accolto la sua parola e il suo annuncio di salvezza. Nessuno si chiuda nel passato della propria vita, in una fallace presunzione di verità che è ripudiata dal Signore. Coloro che prima erano ciechi ora vedono, ma chi crede di vedere è condannato alla cecità eterna. E’ ancora tempo di salvezza, ma non per coloro che credono ancora nella propria giustizia e neppure si lasciano stimolare dall’esempio di chi è arrivato per primo, pur essendo partito per ultimo. Non facciamo inutili disquisizioni sulla fede e sulla parola di Dio: obbediamo prontamente al Signore e mettiamoci alla sua sequela. Chi crede obbedisce e chi obbedisce crede. Fallace è la fede che tutto scruta e tutto vuol comprendere: esiste solo la fede che obbedisce prontamente, lasciandosi afferrare dalla potente mano del Signore. C’è chi disquisisce per tutta la vita, senza arrivare alla vera conoscenza,  c’è chi obbedisce con semplicità di cuore ed è subito ricolmato dei doni del Signore. Impariamo dagli ultimi arrivati che improvvisamente si trovano messi da Dio al primo posto. Non confidiamo nella nostra giustizia e non perdiamoci in inutili e sterili discussioni! Confessiamo umilmente il nostro peccato e mettiamo la nostra vita in mani sicure, e il Signore si prenderà cura di noi. Le nostre certezze sono ben poca cosa, anche se ancorate alla parola del Signore, quando non ci portano alla sequela del Figlio.

33 Ascoltate un’altra parabola. Vi era un uomo padre di famiglia che piantò una vigna e la circondò con una siepe e scavò in essa un frantoio e costruì una torre e la diede in affitto a dei coltivatori e se ne andò in un paese straniero.

“Molte cose ci fa comprendere Cristo con questa parabola: la provvidenza che Dio ha sempre manifestato per i giudei sin dai tempi antichi, il loro animo sanguinario fin dall’inizio, il fatto che Dio non ha omesso nulla per salvarli e che, dopo l’uccisione dei profeti, egli non si è allontanato e non li ha abbandonati, ma ha inviato ad essi il proprio Figlio. Qui, inoltre, noi possiamo costatare che uno solo è il dio dell’Antico e del Nuovo Testamento. E dobbiamo ammirare gli straordinari effetti che operò la morte di Cristo e il terribile castigo che i giudei subirono per il crimine della crocifissione: la vocazione cioè, dei gentili e la riprovazione dei giudei. Il Signore, infatti, espone questa parabola dopo la precedente, per dimostrare quanto grande fosse il loro delitto, che non meritava alcun perdono. Come mai, e per quale motivo? Perché, dopo essere stati oggetto di tanta sollecitudine da parte di Dio, essi si lasciarono superare, e di gran lunga da meretrici e pubblicani. Considerate, d’altra parte la vigilanza e la previdenza di Dio e l’inesplicabile indolenza dei servi. Il padrone compie di persona ciò che di solito fanno i lavoratori: pianta la vigna, la circonda con la siepe, e prepara tutto il resto. Lascia ai coloni solo poche cose da eseguire, vale a dire la cura di ciò che già esiste e la conservazione di quanto è già stato fatto. Nulla infatti è stato tralasciato, ma tutto è stato curato alla perfezione. Eppure nemmeno da ciò essi riescono a trar vantaggio, nonostante i grandi doni da Dio ricevuti. Infatti, dopo l’esodo degli ebrei dall’Egitto, Dio diede la Legge, costruì per essi una città, innalzò un tempio, eresse un altare e, poi, se “se ne andò in un paese straniero”: manifestò, cioè, verso i giudei un’instancabile pazienza non castigando sempre i loro peccati non appena li avessero commessi. Il fatto che se ne va lontano sottolinea infatti la sua grande pazienza e magnanimità. ( Crisostomo )

“ I gran sacerdoti e gli anziani del popolo, i quali avevano osato chiedere a Gesù: “Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questo potere?”, e che avrebbero voluto capire con una parola la sua sapienza, vengono superati nella loro stessa arte e finiscono con l’udire in parabole ciò che non hanno meritato di udire con parole chiare. Questo padrone di casa è lo stesso che aveva due figli e che, in un’altra parabola, ingaggiò i lavoratori per la sua vigna; qui ora pianta la vigna di cui anche Isaia chiaramente parla nel cantico, aggiungendo alla fine: “La vigna del Signore degli eserciti è la casa d’Israele”. E nel salmo leggiamo: ”Una vite svellesti dall’Egitto: scacciasti le genti e la piantasti”. “La cinse di siepe”, dice il Signore, intendendo o le mura della città o la protezione degli angeli; “vi scavò un frantoio”, cioè l’altare, oppure quel frantoio che leggiamo in testa a tre salmi: l’ottavo, l’ottantesimo, e l’ottantatreesimo. “E vi costruì una torre”: non c’è dubbio che si tratta del tempio, del quale per bocca di Michea il Signore dice: “E tu, torre nebbiosa, figlia di Sion”. “E l’affittò a dei coloni”, che altrove ha chiamato lavoratori della vigna e che furono ingaggiati nella prima, nella terza, nella sesta, nella nona e nell’undicesima ora. “E se ne andò lontano”: non si tratta di uno spostamento di luogo. Come può infatti Dio essere assente da un luogo, dato che riempie ogni spazio? Per bocca di Geremia dice: “Sarei forse un Dio solo da vicino, e da lontano non sarei più Dio?”. Però sembra che se ne vada, per lasciare ai vignaioli la piena libertà si operare. ( Gerolamo )

34 Essendosi avvicinato il tempo dei frutti, mandò i suoi servi dai coltivatori, perché ricevessero i suoi frutti. 35 E i coltivatori, presi i suoi servi, uno lo fecero a pezzi, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. 36 Di nuovo mandò altri servi in numero maggiore dei primi e fecero a quelli la stessa cosa.

“Aveva dato loro la legge, con la quale aveva loro ordinato di lavorare nella vigna, per mostrare nelle opere il frutto della legge stessa. Poi mandò loro dei servi, che essi catturarono e bastonarono, come Geremia; oppure uccisero, come Isaia; oppure lapidarono, come Nabot e come Zaccaria, che fu ucciso tra il tempio e l’altare: Leggiamo l’epistola di Paolo agli Ebrei, e da essa chiaramente apprenderemo quante persecuzioni  hanno patito i servi del Signore. ( Gerolamo

In seguito “mandò i suoi servi”, vale a dire i profeti “ per prendere i suoi frutti” cioè la loro obbedienza dimostrata dalle opere. Ma essi anche qui dimostrano la loro malvagità: non soltanto non danno nessun frutto - il che costituisce già una dimostrazione di negligenza - ma trattano ingiuriosamente i servi che sono venuti. Non avendo niente da dare ed essendo pertanto debitori, non dovrebbero adirarsi né comportarsi in modo tanto iniquo; avrebbero motivo, piuttosto, di supplicare. Invece non soltanto si irritano, ma macchiano le loro mani di sangue. Essi che dovrebbero subire una giusta punizione, la infliggono agli altri. Per questo Dio manda loro una seconda volta e una terza volta altri servi, il che mette in evidenza da una parte, la malvagità dei coloni e dall’altra, la benevolenza del padrone. ( Crisostomo )

“In ciò che abbiamo letto: “Di nuovo mandò altri servi in maggior numero dei primi, e i coloni li trattarono allo stesso modo”, scorgiamo la pazienza del padrone di casa, che ripetutamente manda i suoi messaggeri per spingere alla penitenza i malvagi coloni: ma essi, al contrario accumulano per sé la collera per il giorno dell’ira”. ( Gerolamo )

37 Da ultimo mandò loro il figlio suo dicendo: Avranno timore di mio figlio. 38 Ma i coltivatori vedendo il figlio, dissero tra loro: Questo è l’erede, venite, uccidiamolo, e avremo la sua eredità.

 “Mi chiederete a questo punto perché egli non manda subito suo figlio. Non lo manda perché, riconoscendo essi la loro colpa nei confronti dei servi e placato il loro furore, accolgano rispettosamente il figlio quando giungerà. A questo proposito, tuttavia, esistono anche altre interpretazioni; ma ora passiamo alla spiegazione di ciò che segue. Che significano le parole “avranno riguardo a mio figlio”? Il fatto che il padrone le pronunzi non significa certo che egli ignori ciò che accadrà; al contrario vuole sottolineare l’enormità del peccato che stanno per commettere, peccato senza perdono. Sa benissimo che uccideranno suo figlio, eppure lo manda. Tuttavia dice: ”Avranno riguardo a mio figlio”, per indicare ciò che essi dovrebbero fare; è ovvio, infatti, che essi dovrebbero avere per lui il massimo rispetto. In senso analogo Dio dice , in un’altra occasione: “Per vedere se ascolteranno”, e neppure in quel caso ignora ciò che accadrà. Per impedire che alcuni insensati affermino che la predizione forza la disobbedienza, il Signore si avvale di tali espressioni: “Se per caso”, “forse”.

Se costoro si sono comportati in modo tanto indegno verso i servi, almeno il rispetto per suo figlio dovrebbe ora trattenerli. Che fanno invece i coloni? Anziché corrergli incontro, e chiedergli perdono delle loro colpe, essi osano commetterne altre più grandi, aggiungendo abominazione ad abominazione, e oscurando le azioni precedenti con le successive. Ecco che Cristo stesso dichiarerà: “E voi avete colmato la misura dei vostri padri”. Di questo infatti li accusavano in antico anche i profeti: “Le vostre mani sono piene di sangue”, e “mescolano sangue a sangue”, e ancora “edificano Sion nel sangue”. Tuttavia non erano rinsaviti; eppure il primo comando che avevano ricevuto diceva: ”Non ucciderai” ed avevano avuto l’ordine di astenersi da molte altre cose: in tal modo e con molti svariati mezzi Dio voleva indurli a conservare quel comando. Tuttavia, essi non abbandonarono la loro malvagia abitudine di commettere omicidi. Che dicono infatti i coloni vedendo il figlio? “Andiamo e ammazziamolo”. Ma per quale motivo e a quale scopo? Che cosa hanno da rimproverargli? Che male, grande o piccolo ha fatto? Forse perché vi ha onorati e, essendo Dio, si è fatto uomo per voi e ha operato in mezzo a voi tutte quelle meraviglie? Perché ha perdonato i vostri peccati e vi ha attirati al regno dei cieli? Osservate, insieme all’empietà, la grande insensatezza di questi assassini e il folle motivo che adducono per ucciderlo. “Ammazziamolo - dicono - e la sua eredità sarà nostra”. Ma dove decidono di ucciderlo? Fuori della vigna. Osservate come il Signore profetizza perfino il luogo in cui dovrà morire. “Ed ecco lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero”.( Crisostomo)

39 E dopo averlo preso lo gettarono fuori dalla vigna e l’uccisero.

L’Apostolo dice che Gesù è stato crocifisso fuori dalle porte della città. Possiamo interpretare anche diversamente queste parole, nel senso cioè che è cacciato fuori dalla vigna e ivi ucciso perché la vigna venga affidata a quelli che lo hanno accolto. ( Gerolamo )

40 Dunque quando sarà venuto il padrone della vigna, che cosa farà a quei coltivatori? 41 Gli dicono: Farà perire miseramente dei malvagi e darà in affitto la sua vigna ad altri coltivatori che diano a lui il frutto nei tempi opportuni.

“Il Signore rivolge loro questa domanda, non perché ignori la risposta, ma perché con essa si condannino da sé medesimi. La vigna viene affidata a noi, e ci viene data in affitto al patto che daremo al Signore il suo frutto al tempo della raccolta e che sappiamo in ogni circostanza dire e fare quel che è utile dire e fare. ( Gerolamo )

42 Dice a loro Gesù: Non avete mai letto nelle Scritture: Una pietra che scartarono i costruttori, questa è stata fatta come capo d’angolo: dal Signore è stato fatto questo ed è meraviglioso negli occhi nostri?

“In varie parabole e in diversi discorsi vengono dette le stesse cose. Quelli che prima sono stati chiamati lavoratori, vignaioli e coloni, ora sono chiamati costruttori, cioè muratori. Per questo l’Apostolo dice: “Voi siete il campo di Dio e l’edificio di Dio”. Dunque, questi muratori, come vignaioli hanno ricevuto la vigna, anche loro hanno ricevuto la pietra per collocarla nelle fondamenta, come dice l’architetto Paolo, o nell’angolo, in modo da saldare insieme le due pareti, ossia i due popoli. Tale pietra, da essi scartata, è diventata pietra angolare. E questo è stato fatto dal Signore, non con mezzi umani, ma con la potenza di Dio. Di questa pietra che ci salva, anche Pietro parla con fiducia: “Questa pietra che è stata scartata da voi costruttori, è diventata pietra angolare”. E Isaia dal canto suo afferma: “Ecco, io metto a fondamento di Sion una pietra scelta, preziosa, angolare: chi in essa crede, non vacillerà”. ( Gerolamo )

43 Pertanto dico a voi, che sarà tolto a voi il regno di Dio e sarà dato a gente che farà il suo frutto. 44 E chi sarà caduto sopra questa pietra, sarà schiacciato, quello invero sopra cui sarà caduta, lo distruggerà.

“Una cosa è offendere Cristo compiendo il male; altra è negarlo. Il peccatore, che tuttavia in lui crede, cade certamente su questa pietra e si sfracella, ma non ne è stritolato: è conservato infatti alla salvezza per mezzo della penitenza. Ma colui su cui questa pietra cadrà, cioè chi sarà colpito da essa e chi avrà negato totalmente Cristo, ne sarà stritolato, tanto che di lui neppure un coccio resterà che possa servire ad attingere una goccia d’acqua”. ( Gerolamo )

45 E avendo sentito i capi dei sacerdoti e dei farisei le sue parabole, compresero che parlava di loro stessi. 46 E mentre cercavano di catturarlo temettero le folle, perché lo consideravano come profeta.

“Sebbene fossero di cuore duro e ottusi per la loro incredulità ed empietà nei confronti del Figlio di Dio, tuttavia non potevano negare le aperte accuse rivolte contro di loro e capivano che tutte le parole del Signore erano dirette al loro bersaglio. Per questo volevano ucciderlo, ma avevano paura delle turbe, che lo consideravano un profeta. La folla è sempre volubile, non rimane ferma nel suo proposito e, come le onde, si fa trascinare or qua or là  dall’impeto di venti diversi. Ora lo venerano e lo rispettano come un profeta; tra poco contro di lui grideranno: “Crocifiggilo, crocifiggilo!”.

 

 

Informazioni aggiuntive