Vangelo di Matteo cap27

                               Matteo 27

 

Mane autem facto consilium inierunt omnes principes sacerdotum et seniores populi

Fattosi mattino, entrarono in consiglio tutti i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo

adversus Iesum ut eum morti traderent et vinctum adduxerunt eum et tradiderunt

contro Gesù, per consegnarlo alla morte. 2 E legato lo condussero e lo consegnarono

Pontio Pilato praesidi tunc videns Iudas qui eum tradidit quod

al governatore Ponzio Pilato. 3 Allora vedendo Giuda colui che lo consegnò, che

damnatus esset paenitentia ductus rettulit triginta argenteos

era stato condannato, spinto dal pentimento, riportò le trenta monete d’argento

principibus sacerdotum et senioribus dicens peccavi tradens sanguinem iustum

ai capi dei sacerdoti e agli anziani 4 dicendo: Ho peccato consegnando il sangue giusto.

At illi dixerunt quid ad nos tu videris et proiecti argenteis in templo

Ma quelli gli dissero: Che cosa è verso di noi. Vedrai tu. 5 E gettati i denari nel tempio,

recessit et abiens laqueo se suspendit principes autem sacerdotum acceptis

si allontanò e andando si appese ad un laccio. 6 Ma i capi dei sacerdoti, prese

argenteis dixerunt non licet eos mittere in corbonam quia

le monete d’argento dissero: Non è lecito metterle nel tesoro del tempio, poiché

pretium sanguinis est consilio autem inito emerunt ex illis agrum figuli

è prezzo di sangue. 7 E entrati in consiglio comprarono con quelli il campo del vasaio,

in sepulturam peregrinorum propter hoc vocatus est ager ille Haceldama

per la sepoltura degli stranieri. 8 Proprio per questo fu chiamato quel campo, Akeldama,

hoc est ager sanguinis usque in hodiernum diem tunc impletum est quod dictum est

cioè campo di sangue, fino al giorno di oggi. 9 Allora fu adempiuto ciò che è stato detto

per Hieremiam prophetam dicentem et acceperunt triginta argenteos pretium

per mezzo del profeta Geremia che dice: E presero i trenta denari d’argento, il prezzo

apprepiati quem appretiaverunt a filiis Israel et dederunt eos in agrum

del valutato, che valutarono tra i figli d’Israele, 10 e diedero quelli per il campo

figuli sicut constituit mihi Dominus Iesus autem stetit

del vasaio, così come ha stabilito per me il Signore. 11 E Gesù stette fermo

ante praesidem et interrogavit eum praeses dicens tu es rex Iudaeorum

davanti al governatore e lo interrogò il governatore dicendo: Tu sei il re dei Giudei?

Dicit illi Iesus tu dicis et cum accusaretur a principibus sacerdotum et senioribus nihil

Gli dice Gesù: Tu dici. 12 Ed essendo accusato dai capi dei sacerdoti e dagli anziani nulla

respondit tunc dicit illi Pilatus non audis quanta adversum te dicunt testimonia et

rispose. 13 Allora gli dice Pilato: Non odi quante testimonianze contro di te dicono? 14 E

non respondit ei nullum verbum ita ut miraretur praeses vehementer

non rispose a lui contro alcuna parola, cosicché si meravigliò il governatore molto.

Per diem autem sollemnem consueverat praeses populo dimittere unum

15 In occasione del giorno solenne era  solito il governatore liberare per il popolo un

vinctum quem voluissent habebat autem tunc vinctum insignem qui

prigioniero solo, quello che avessero voluto. 16 E aveva allora un prigioniero famoso che

dicebatur Barabbas congregatis ergo illis dixit Pilatus quem vultis dimittam

era chiamato Barabba. 17 Radunati dunque quelli disse Pilato: Chi volete che io liberi

vobis Barabbam an Iesum qui dicitur Christus sciebat enim quod per invidiam

per voi; Barabba o Gesù che è detto il Cristo? 18 Sapeva infatti che per invidia

tradidissent eum sedente autem illo pro tribunali misit ad eum uxor eius

lo avevano consegnato: 19 E mentre sedeva in tribunale mandò a dire a lui sua moglie

dicens nihil tibi iusto illi multa enim passa sum hodie per visum

dicendo: Niente sia fra te e  quel giusto; infatti molte cose ho sofferto per aver visto

propter eum principes autem sacerdotum et seniores persuaserunt

a causa di lui  oggi . 20 Ma i capi dei sacerdoti e gli anziani persuasero

populis ut peterent Barabbam Iesum vero perderent respondens autem

i popoli perché chiedessero Barabba; ma lasciassero perdere Gesù. 21 E rispondendo

praeses ait illis quem vultis vobis de duobus dimitti at illi

il governatore disse loro: Chi volete che dei due vi sia lasciato andare? E quelli

dixerunt Barabbam dicit illis Pilatus quid igitur faciam de Iesu qui dicitur Christus

dissero: Barabba. 22 Dice loro Pilato: Che cosa dunque farò di Gesù che è detto il Cristo?

Dicunt omnes crucifigatur ait illis praeses quid enim mali fecit

23 Dicono tutti: Sia crocifisso. Disse loro il governatore: Che cosa dunque ha fatto di

at illi magis clamabant dicentes crucifigatur videns autem Pilatus quia nihil

male? Ma quelli di più gridavano dicendo: Sia crocifisso. 24 E vedendo Pilato che nulla

proficeret sed magis tumultus fieret accepta aqua lavit manus

otteneva, ma che il tumulto diventava di più, ricevuta l’acqua, lavò le mani

coram populo dicens innocens ego sum a sanguine iusti huius vos videritis

davanti al popolo dicendo: Io sono innocente dal sangue di questo giusto: voi vedrete.

Et respondens universus populus dixit sanguis eius super nos et super

25 E rispondendo tutto insieme il popolo disse: Il suo sangue sia sopra noi e sopra

filios nostros tunc dimisit illis Barabbam Iesum autem flagellatum tradidit eis

i nostri figli. 26 Allora lasciò andare per loro Barabba e consegnò loro Gesù flagellato,

ut crucifigetur tunc milites praesidis suscipientes Iesum

perché fosse crocifisso. 27 Allora i soldati del governatore prendendo su Gesù

in praetorium congregaverunt ad eum universam cohortem et exuentes eum

nel  pretorio riunirono intorno a lui l’intera coorte. 28 E spogliandolo,

clamydem coccineam circumdederunt ei et plectentes coronam de spinis

gli misero intorno un mantello di colore scarlatto 29 e intrecciando una corona di spine

posuerunt super caput eius et harundinem in dextera eius et genu flexo

posero sopra il suo capo e una canna nella sua destra. E piegato il ginocchio

ante eum illudebant ei dicentes ave rex Iudaeorum et exspuentes in eum

davanti a lui, lo schernivano dicendo: Salve, re dei Giudei. 30 E sputando su di lui,

acceperunt harundinem et percutiebant caput eius et postquam illuserunt ei

presero la canna e percuotevano il suo capo. 31 E dopo che lo ebbero schernito

exuerunt eum clamyde et induerunt eum vestimentis eius et duxerunt eum ut

lo spogliarono del mantello, e lo ricoprirono con le sue vesti, e lo condussero perché

crucifigerent exeuntes autem invenerunt hominem Cyrenaeum nomine Simonem hunc

lo crocifiggessero. 32 E uscendo trovarono un uomo di Cirene di nome Simon: questo

angariaverunt ut tolleret crucem eius et venerunt in locum qui dicitur

angariarono perchè prendesse su di lui la  croce. 33 E vennero in un luogo che è detto

Golgotha quod est Calvariae locus et dederunt ei vinum bibere cum felle mistum et

Golgota, cioè il luogo del Calvario. 34 E gli diedero del vino da bere misto con fiele, e

cum gustasset noluit bibere postquam autem crucifixerunt eum diviserunt

dopo averlo assaporato non volle bere. 35 Dopo che l’ebbero crocifisso, divisero

vestimenta eius sortem mittentes ut impleretur quod dictum est

le sue vesti gettando la sorte, affinché si adempisse ciò che fu detto

per prophetam dicentem diviserunt sibi vestimenta mea et super vestem meam

attraverso il profeta che dice: Divisero per sé i miei vestiti, e sopra la mia veste

miserunt sortem et sedentes servabant eum et imposuerunt super caput eius

gettarono la sorte. 36 E stando seduti lo custodivano. 37 E misero sopra il suo capo

causam ipsius scriptam hic est Iesus rex Iudaeorum tunc

la ragione della sua condanna scritta: Questo è Gesù il re dei Giudei. 38 Allora

crucifixi sunt cum eo duo latrones unus a dextris et unus a sinistris

furono crocifissi con lui due ladroni, uno a destra e uno a sinistra.

Praetereuntes autem blasphemabant eum moventes capita sua et dicentes vah

39 E quelli che passavano oltre lo bestemmiavano scuotendo i loro capi 40 e dicendo: Oh,

qui destruis templum Dei et in triduo illud reaedificas salva temetipsum si

tu che distruggi il tempio di Dio e in tre giorni lo riedifichi, salva te stesso, se

Filius Dei es descende de cruce similiter et principes sacerdotum

sei Figlio di Dio, discendi dalla croce. 41 Similmente anche i capi dei sacerdoti

illudentes cum scribis et senioribus dicebant alios salvos fecit seipsum non potest

schernendolo con gli scribi e gli anziani dicevano: 42 Altri ha salvato, se stesso non può

salvum facere si rex Israel est descendat nunc de cruce et credimus ei confidit

salvare. Se è re di Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo subito. 43 Ha confidato

in Deo liberet nunc si vult eum dixit enim quia Filius Dei sum idipsum autem

in Dio, lo liberi ora, se vuole lui; ha detto infatti: Sono Figlio di Dio. 44 E allo stesso modo

et latrones qui crucifixi erant cum eo improperabant ei a sexta autem hora

anche i ladroni che erano stati crocifissi con lui, lo schernivano. 45 Ma dall’ora sesta

tenebrae factae sunt super universam terram usque ad horam nonam et circa horam

fu fatta tenebra su tutta la terra fino all’ora nona. 46 E verso l’ora

nonam clamavit Iesus voce magna dicens Heli Heli lamma sabacthani hoc est Deus

nona gridò Gesù con voce grande dicendo: Eli, Eli, lamma sabactani? Cioè, Dio

meus Deus meus ut quid dereliquisti me quidam autem illic stantes et audientes

mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? 47 E alcuni che stavano fermi lì e che udivano

dicebant Heliam vocat iste et continuo currens unus ex eis acceptam spongiam

dicevano: Costui chiama Elia. 48 E subito correndo uno solo di loro presa una spugna

implevit aceto et imposuit harundini et dabat ei bibere ceteri vero

la riempì di aceto e la pose sopra una canna e gli dava da bere. 49 Ma tutti gli altri

dicebant sine videamus an veniat Helias liberans eum Iesus autem iterum clamans

dicevano: Lascia che vediamo se viene Elia a liberarlo, 50 ma Gesù di nuovo gridando

voce magna emisit spiritum et ecce velum templi scissum est in duas partes

con voce grande mandò fuori lo spirito. 51 Ed ecco il velo del tempio fu squarciato in due

partes a summo usque deorsum et terra mota est et petrae scissae sunt et

parti da cima fino a fondo e la terra fu scossa, e le pietre furono spaccate e

monumenta aperta sunt et multa corpora sanctorum qui dormierant

52 i monumenti furono aperti e molti corpi dei santi che si erano addormentati

surrexerunt et exeuntes de monumentis post resurrectionem eius venerunt

si alzarono. 53 E uscendo dai monumenti dopo la resurrezione vennero

in sanctam civitatem et apparuerunt multis centurio autem et qui cum eo erant

nella santa città e apparvero a molti. 54 E il centurione e quelli che erano con lui

custodientes Iesum  viso terraemotu et his quae fiebant timuerunt

custodendo Gesù, visto il terremoto e quelle cose che erano accadute, temettero

valde dicentes vere Filius Dei erat iste erant autem ibi mulieres multae

fortemente dicendo: Veramente figlio di Dio era costui. 55 E c’erano qui molte donne

a longe quae secutae erant Iesum a Galilaea ministrantes ei inter quas erat Maria

da lontano che avevano seguito Gesù dalla Galilea servendolo, 56 tra le quali Maria

Magdalene et Maria Iacobi et Ioseph mater et mater filiorum Zebedaei

Maddalena e Maria madre  di Giacomo e di Giuseppe e la madre dei figli di Zebedeo.

Cum autem sero factum esset venit quidam homo dives ab Arimathaea nomine

57 Essendosi fatta sera , venne un  uomo ricco da Arimatea, di nome 

Ioseph qui et ipse discipulus erat Iesu hic accessit ad Pilatum et

Giuseppe, che anche lui stesso era discepolo di Gesù. 58 Questi si accostò a Pilato e

petit corpus Iesu tunc Pilatus iussit reddi corpus et

chiese di avere il corpo di Gesù. Allora Pilato comandò che fosse restituito il corpo. 59 E

accepto corpore Ioseph involvit illud in sindone munda et posuit illud

accolto il corpo Giuseppe avvolse quello in un lenzuolo puro 60 e lo pose

in monumento suo novo quod exciderat in petra et advolvit saxum magnum

nel suo monumento nuovo, che aveva scavato nella pietra e fece rotolare un grande

ad ostium monumenti et abiit erat autem ibi Maria Magdalene et altera

sasso sulla porta del monumento e se ne andò. 61 Ma c’era lì Maria di Magdala e l’altra

Maria sedentes contra sepulcrum altera autem die quae est post Parasceven

Maria che sedevano in faccia al  sepolcro. 62 Il giorno dopo che è dopo la Parasceve

convenerunt principes sacerdotum et pharisaei ad Pilatum dicentes Domine

si riunirono i capi dei sacerdoti e i farisei presso Pilato 63 dicendo: Signore,

recordati sumus quia seductor ille dixit adhuc vivens post tres dies resurgam

ci siamo ricordati che quel seduttore disse finchè vivente: Dopo tre giorni risorgerò.

Iube ergo custodiri sepulcrum usque in diem tertium ne forte

64 Comanda dunque che sia custodito il sepolcro fino al terzo giorno perché non accada

veniant discipuli eius et furentur eum et dicant plebi surrexit a mortuis et erit

che vengano i suoi discepoli e lo rubino e dicano al popolo: E’ risorto dai morti; e sarà

novissimus error peior priore ait illis Pilatus habetis custodiam ite

l’ultimissimo errore peggiore del primo. 65 Disse loro Pilato: Avete la guardia, andate,

custodite sicut scitis illi autem abeuntes munierunt sepulcrum signantes lapides

custodite come sapete voi. 66 Quelli andando fortificarono il sepolcro sigillando la pietra

cum custodibus

con dei custodi.

 

 

1 Fattosi mattino, entrarono in consiglio tutti i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo contro Gesù, per consegnarlo alla morte.

L’alba del nuovo giorno non porta con sé alcuna novità e alcun cambiamento di cuore in coloro che vogliono la morte di Gesù. Hanno vegliato tutta la notte a causa del Cristo, ma invece di invocare la luce che viene dal Padre si sono persi nelle macchinazioni del loro cuore. E’ veramente degno di elogio chi “perde tempo per Gesù” e non concede sonno ai propri occhi. Ma c’è anche lo zelo che viene dal Satana e porta le vesti del sacrificio, ma non vuole la vita del Figlio, bensì la sua morte. E sembra proprio che all’appello del Diavolo ci siano tutti, almeno quelli che contano a questo mondo.  Non si è mai vista sulla terra solidarietà così grande e simile concordia d’intenti, né veglia più sentita e partecipata.

“Non soltanto da Pilato, ma anche da Erode viene condotto, affinché ambedue si prendano gioco del Signore. Osserva con quanta sollecitudine i sacerdoti compiano il male. Hanno vegliato tutta la notte per porre in atto l’omicidio. “E legatolo, lo consegnarono a Pilato”: era infatti loro usanza consegnare legato al giudice colui che volevano condannare a morte”. ( Gerolamo )

2 E legato lo condussero e lo consegnarono al governatore Ponzio Pilato.

Perché mai avete legato il vostro Salvatore o Giudei? Per impedirgli di portarvi con sé nella gloria del Padre? E da chi sperate la salvezza? Da colui che vi tiene schiavi del peccato e vi conduce alla dannazione eterna? Beati coloro che si lasciano legare da Gesù, perché sia ridotta all’impotenza la forza del Satana e seguono umilmente il loro capo e la loro luce. Cristo non li consegnerà alla morte ma a Colui che governa e regge l’universo. Non temeranno il giudizio eterno, ma saranno liberati per sempre da ogni male e vedranno la gloria di Dio. Non c’è uomo più tristo di colui che vuol impedire l’opera del Signore. Invece di vegliare per la propria vita, si dimostra vigile ed attento a tutto ciò che accade nella chiesa e non esita ad appellarsi alla stessa autorità civile, purché sia chiusa ogni bocca che parla nel nome di Dio.

3 Allora vedendo Giuda colui che lo consegnò, che era stato condannato, spinto dal pentimento, riportò le trenta monete d’argento ai capi dei sacerdoti e agli anziani 4 dicendo: Ho peccato consegnando il sangue giusto.

“Beato l’uomo che non siede nel consiglio degli empi”! Può essere fatale, anche  una sola volta. Giuda in cuor suo non desidera la morte di Gesù, ma non ne vuole neppure la vita. Nell’incertezza del proprio cuore, invece di affidarsi a Dio Padre si affida a coloro che non amano il Signore, ed è travolto dal loro stesso peccato. Guai ai cuori timidi e dubbiosi che ripongono la loro fiducia nei nemici di Gesù, sperando di averne lume per la propria vita! Vedranno morire ogni speranza e con la morte di Cristo anche la propria morte. Giuda è spinto dal pentimento, ma non volge i suoi passi a Dio Padre. Ancora una volta vede solo l’uomo e si muove  verso l’uomo. Per disapprovare certo... Ma che giova condannare l’opera dell’uomo se non si invoca la misericordia divina? Vi è  una coscienza di peccato chiusa in se stessa che non sa alzare i propri occhi al cielo.  Allorché vede la propria malvagità perde ogni speranza. Non cerca l’inizio di una nuova vita, ma vuole ed opera per la fine. Sa affrontare la morte con rassegnata determinazione, ma non sa alzare i propri occhi a Dio Padre per invocare il suo perdono. Giuda è stato fedele e coerente all’uomo, per averne la morte eterna. Meglio confidare nel Signore e nel suo amore.

“Osservate come Giuda si penta del proprio tradimento solo quando il suo peccato è ormai consumato e non può più porvi rimedio. Così si comporta il demonio: non lascia vedere il male, quando non si è vigilanti, prima che sia irreparabile; così chi ne è vittima non può più pentirsi . Giuda allorché Gesù rivolse a lui tutti quegli avvertimenti, non si piegò; ora, quando il suo delitto è già perpetrato comincia ad avere rimorso, ma, purtroppo, senza alcuna utilità. E’ certo un atto lodevole quello che compie condannando se stesso, gettando via il denaro e dimostrando di non temere il popolo giudeo; ma l’impiccarsi è un gesto imperdonabile ed è opera del diavolo. Il maligno lo sottrae al rimorso per evitare che egli tragga vantaggio dal suo pentimento e, persuadendolo ad uccidersi lo fa perire di una morte ignominiosa dinanzi a tutti”. ( Crisostomo )

Ho peccato consegnando il sangue giusto.

Non dice Giuda “il sangue del giusto”, dell’unico giusto, ma il sangue giusto, di un qualsiasi uomo giusto. Anche se non crede più nella propria giustizia dimostra con ciò di credere ancora nell’uomo. E dall’uomo sarà tradito.

Ma quelli gli dissero: Che cosa è verso di noi. Vedrai tu.

Sperava di avere un qualche aiuto e una qualche consolazione, ma è andato nel posto sbagliato e dalle persone sbagliate. Meglio tornare alla chiesa e affidare a lei il nostro peccato. Nessuno sarà deluso, né abbandonato alla propria tristezza.

5 E gettati i denari nel tempio, si allontanò e andando si appese ad un laccio.

Perché proprio nel tempio? Perché almeno sia speso bene ciò che è stato guadagnato col male. E si allontana. Per una nuova vita? No, ma semplicemente per farla finita.

“A niente gli ha giovato la penitenza con la quale non ha potuto arrestare il delitto. E’ così che può essere perdonato il peccato commesso dal fratello contro il fratello, cioè quando la penitenza è in grado di emendare il peccato commesso. Ma se le opere rimangono, invano ci si pente a parole. Questo è appunto quanto nel salmo sta scritto proprio a proposito dell’infelicissimo Giuda: “E la sua preghiera si muta in peccato”. Non solo non è capace di emendarsi dal delitto di tradimento, ma al primo crimine aggiunge anche quello del suicidio. E’ a questo che allude L’Apostolo, scrivendo nella sua seconda lettera ai Corinti: “Non si faccia soccombere il fratello a causa dell’eccessiva tristezza”. ( Gerolamo )

6 Ma i capi dei sacerdoti, prese le monete d’argento dissero: Non è lecito metterle nel tesoro del tempio, poiché è prezzo di sangue.

Povero Giuda, speravi in qualche modo di coinvolgere i tuoi complici nel tuo pentimento. Neppure il tuo denaro è “degno” di considerazione. I capi dei sacerdoti, che sono stati i primi responsabili della morte di Gesù, scaricano su altri o più semplicemente su un’ineluttabile necessità il loro delitto. “E’ prezzo di sangue”. Han forse dimenticato che proprio loro hanno fissato questo prezzo? Il sangue di Cristo certamente non ha più alcun valore per Israele, ma da questo momento ne ha molto per coloro che Israele non sono. E’ il prezzo per il riscatto di tutte le genti.

“Veramente essi filtrano il moscerino e ingoiano il cammello. Se non mettono il denaro nel tesoro, cioè tra le offerte e i doni fatti a Dio, in quanto è il prezzo del sangue, perché versano questo stesso sangue?

7 E entrati in consiglio comprarono con quelli il campo del vasaio, per la sepoltura degli stranieri. 8 Proprio per questo fu chiamato quel campo, Akeldama, cioè campo di sangue, fino al giorno di oggi.

“Certo essi lo fecero con un’altra intenzione, e non per lasciare un eterno monumento della loro empietà acquistando il campo. Noi peraltro, che eravamo privi della Legge e dei Profeti, abbiamo tratto profitto per la nostra salvezza dei loro perversi sforzi e abbiamo trovato la pace nel prezzo del suo sangue. E il campo è chiamato del vasaio, perché il nostro vasaio è Cristo”. ( Gerolamo )

9 Allora fu adempiuto ciò che è stato detto per mezzo del profeta Geremia che dice: E presero i trenta denari d’argento, il prezzo del valutato, che valutarono tra i figli d’Israele, 10 e diedero quelli per il campo del vasaio, così come ha stabilito per me il Signore.

Ancora una volta l’uomo è strumento inconsapevole della volontà di Dio. Israele, che  nulla ha considerato la vita di Gesù, proprio per questo ha fatto si che la misericordia di Dio si riversasse su coloro che erano stranieri, su tutti gli uomini che entrano nella morte del Signore per risuscitare con Lui a nuova vita.

“Questa testimonianza non si trova in Geremia. In Zaccaria, che è il penultimo dei dodici profeti, è riportato peraltro qualcosa che assomiglia a queste parole, sebbene molto diverso sia il senso, e anche l’ordine del discorso e le parole siano dissimili. Ho letto poco tempo fa in un libro che mi è stato portato da un ebreo della setta dei nazareni - è un libro apocrifo di Geremia - queste parole testualmente riportate. Tuttavia a me sembra che questa testimonianza sia stata tratta piuttosto da Zaccaria e che essa sia stata citata secondo la consuetudine degli evangelisti e degli apostoli, i quali, trascurando l’ordine delle parole, hanno addotto ad esempio soltanto il senso tratto dall’Antico Testamento”. ( Gerolamo )

11 E Gesù stette fermo davanti al governatore e lo interrogò il governatore dicendo: Tu sei il re dei Giudei? Gli dice Gesù: Tu dici. 

Nessun segno di cedimento da parte di Gesù di fronte ai potenti di questa terra. “Stette fermo” nella risoluzione di fare unicamente la volontà del Padre, senza nulla concedere all’uomo, anche se ha potere di vita e di morte. Certamente Gesù ama e vuole essere interrogato, ma quando si chiede per ascoltare la sua parola e non per giudicare. Parla a Pilato, non per compiacere, semmai per riprendere un cuore chiuso alla verità.  “Gli dice Gesù”: non risponde Gesù, ma riafferma l’importanza della sua parola, anche quando nulla dice, perché non c’è volontà di ascolto. “Tu dici”, o Pilato, fai semplicemente delle affermazioni che possono essere anche vere, ma non vuoi confrontarti con la parola di Dio. E il Figlio cosa dovrebbe rispondere alla tua parola, se non ribadendo inutilmente la Sua parola? 

“Osserva che risponde in parte a Pilato, il quale, senza volerlo, diceva la verità, mentre rifiuta di rispondere ai sacerdoti e ai principi, giudicandoli indegni della sua parola”. ( Gerolamo )

12 Ed essendo accusato dai capi dei sacerdoti e dagli anziani nulla rispose.

L’atteggiamento di Gesù è ancor più radicale con coloro che già molte volte aveva rimproverato per la durezza del loro cuore. Pilato merita una parola senza risposta, costoro il silenzio più assoluto.

13 Allora gli dice Pilato: Non odi quante testimonianze contro di te dicono? 14 E non rispose a lui contro alcuna parola, cosicché si meravigliò il governatore molto.

Pilato non comprende l’atteggiamento di Gesù e vorrebbe una qualche risposta, per fare da arbitro. Ma il Figlio di Dio conosce un solo giudice ed un solo arbitro. Perché dovrebbe mai appellarsi alla giustizia dell’uomo, colui che è giustizia divina? “Si meravigliò il governatore molto”. Nulla di più. E’ la meraviglia di chi vede e sente suo malgrado, ma non vuol comprendere, né conoscere. Pilato tenta di risolvere il caso Gesù, senza coinvolgimento e responsabilità alcuna, e cerca una scappatoia. 

15 In occasione del giorno solenne era  solito il governatore liberare per il popolo un prigioniero solo, quello che avessero voluto.  16 E aveva allora un prigioniero famoso che era chiamato Barabba. 17 Radunati dunque quelli disse Pilato: Chi volete che io liberi per voi; Barabba o Gesù che è detto il Cristo? 18 Sapeva infatti che per invidia lo avevano consegnato.

Pilato non sa confrontarsi con Dio solo ed è risucchiato dal confronto con gli uomini di questo mondo. Ha capito che Gesù è innocente e che è stato consegnato solo per invidia, ma non prende posizione per la Verità, anche quando i segni del cielo si fanno evidenti e pressanti.

“Osservate come l’ordine è qui capovolto? La petizione a favore dei condannati era generalmente inoltrata dal popolo; la grazia era concessa dal governatore. Ora invece accade il contrario: è il governatore che chiede al popolo la grazia; tuttavia neppure così gli avversari di Gesù diventano più miti; s’infuriano anzi ancor più e gridano, dominati come sono da quella passione che è l’invidia”. ( Crisostomo )

19 E mentre sedeva in tribunale mandò a dire a lui sua moglie dicendo: Niente sia fra te e  quel giusto; infatti molte cose ho sofferto per aver visto a causa di lui  oggi .

Vi è un momento in cui ci è chiesto di essere con Cristo e contro i suoi nemici e non si può rimandare oltre la nostra fede in Gesù. Ed è il momento in cui Satana mette in campo tutte le sue forze, per scoraggiare qualsiasi tentativo di adesione al Cristo.

“Osserva che spesso ai pagani i sogni sono rivelati da Dio e che in Pilato e in sua moglie, i quali confessano giusto il Signore, è testimoniata la fede del popolo dei gentili”. ( Gerolamo )

“Questa donna è figura del popolo dei pagani, che, ormai credente, chiama alla fede in Cristo il popolo incredulo col quale viveva insieme. E poiché ella stessa ha molto sofferto per Cristo, invita colui, col quale viveva insieme, alla stessa gloria della speranza futura. Pilato, allora, si lavò le mani e prese come testimone il popolo giudaico di essere innocente del sangue del Signore. Ogni giorno infatti, mentre i giudei prendono su di sé e sui propri figli la responsabilità di aver versato il sangue del Signore, il popolo dei pagani, purificato, passa alla confessione della fede”. ( Ilario )

20 Ma i capi dei sacerdoti e gli anziani persuasero i popoli perché chiedessero Barabba; ma lasciassero perdere Gesù.

Adesso ci sono di mezzo non soltanto i capi dei sacerdoti e gli anziani, ma i popoli tutti e bisogna andare contro e scavalcare il giudizio del mondo intero. Pilato sceglie la via umanamente più ragionevole, che è quella del dialogo e del confronto. La fede in Cristo chiede la rottura e la divisione più assoluta e non ci sono altre soluzioni più indolori.

“Il nome Barabba significa figlio del padre. In tal modo viene rivelato il mistero dell’incredulità futura, quando a Cristo sarà preferito il figlio del padre, cioè l’Anticristo, uomo di peccato e figlio del diavolo. Così, incitati dai loro capi, essi scelgono colui che è destinato alla dannazione piuttosto che l’autore della salvezza”. ( Ilario )

21 E rispondendo il governatore disse loro: Chi volete che dei due vi sia lasciato andare? E quelli dissero: Barabba. 22 Dice loro Pilato: Che cosa dunque farò di Gesù che è detto il Cristo? 23 Dicono tutti: Sia crocifisso. Disse loro il governatore: Che cosa dunque ha fatto di male? Ma quelli di più gridavano dicendo: Sia crocifisso.

Chi fa il male è più deciso e più ostinato di chi vorrebbe fare il bene e il cuore tiepido e timido alla fine è travolto dall’empio e dal peccatore. L’uomo che vuol dialogare con i nemici di Gesù ed evitare ad ogni costo lo scontro diretto, alla fine avrà la peggio.

“Pilato ha dato loro molte occasioni di liberare il Salvatore. Prima, ponendo il ladrone insieme al giusto; poi, aggiungendo: “Che dovrò dunque fare di Gesù chiamato il Cristo?”, cioè di colui che è il vostro re. Avendo essi risposto: “Sia crocifisso!”, non si rassegna subito, ma, seguendo il suggerimento della moglie, che gli aveva mandato a dire: “Non ci sia nulla fra te e quel giusto”, di sua iniziativa riprende: “Ma che ha fatto di male?”. Così dicendo, Pilato assolve Gesù. Ma essi gridavano di più, dicendo: “Sia crocifisso!”. S’adempie così quanto è stato detto nel ventunesimo salmo: “Mi hanno circondato molti cani; una masnada di malvagi mi assedia”. S’adempie del pari la profezia di Geremia: “La mia eredità mi è divenuta quale leone nella selva: hanno levato sopra di me il loro ruggito”. Anche lo stesso Isaia ha parole che si attagliano a questo episodio: “Aspettai che agissero rettamente, ma hanno invece compiuto l’iniquità, e da loro si sono levate non giustizia ma grida”.

24 E vedendo Pilato che nulla otteneva, ma che il tumulto diventava di più, ricevuta l’acqua, lavò le mani davanti al popolo dicendo: Io sono innocente dal sangue di questo giusto: voi vedrete.

La partita è ormai persa per Pilato: non solo non riesce ad ottenere nulla, ma  cresce l’ostilità nei suoi confronti ed è costretto a cedere su tutta la linea. Eppure gli era stata offerta la possibilità della salvezza e di entrare nella vita del Cristo. Accoglie l’acqua Pilato, ma non quella che toglie il peccato del mondo e ci lava da ogni male. Ancora una volta fa la scelta sbagliata. Angustiato dal peccato si lava da ogni macchia di fronte agli uomini, ma non davanti a Dio. E fa la propria professione di fede dichiarando giusto Gesù, ma non confessa il proprio peccato, e proclama davanti a tutti la propria innocenza.

“Pilato ha preso l’acqua secondo quanto dice la profezia: “Laverò le mie mani tra gli innocenti”, perché venissero purificate, nel lavacro delle sue mani, le opere dei gentili e per far sì che noi restassimo estranei all’empietà dei giudei che gridavano: “Crocifiggilo!”: In certo qual modo, opponendosi, dice: volevo certamente liberare l’innocente; ma poiché ne nasce una sommossa e mi si accusa del delitto di ribellione a Cesare, “io sono innocente del sangue di questo giusto”. Il giudice che è costretto a emanare la sentenza contro Cristo, non condanna colui che gli è stato consegnato; accusa invece coloro che glielo hanno portato, dichiarando giusto il condannato che dovrà essere crocifisso: “Ve la vedrete voi!”, dice. Io applico le leggi: è vostra la voce che versa il sangue”. ( Gerolamo )

25 E rispondendo tutto insieme il popolo disse: Il suo sangue sia sopra noi e sopra i nostri figli.

Tanto è bastato forse per tacitare la coscienza di Pilato, ma grande è stato l’inganno perché ognuno davanti a Dio porta il peso delle proprie colpe, ad eccezione del Figlio che si è caricato di tutti i nostri mali per ottenerci la salvezza. Chi cerca la giustificazione dall’uomo e per l’uomo sarà condannato dal Padre e chi scarica sugli altri la propria colpa si illude di essere giusto.

“Pesa sino ad oggi sui giudei questa imprecazione, e il sangue del Signore ricade ancora su di loro. Per questo egli così parla per bocca di Isaia: “Se vi laverete le mani, non per questo vi esaudirò: le mani vostre infatti grondano sangue”. Un’ottima eredità hanno lasciato i giudei ai loro figli: “Il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli!”. ( Gerolamo )

26 Allora lasciò andare per loro Barabba e consegnò loro Gesù flagellato, perché fosse crocifisso.

Pilato fa tutto per l’uomo, perché è schiavo dell’uomo e non sa confrontarsi con Dio. Per l’uomo lascia andare libero Barabba, che è figura del peccato, e per l’uomo consegna Gesù alla morte, dopo averlo fatto flagellare. Nel proprio cuore disprezza Barabba e ha stima di Gesù, ma non sa decidere conforme a verità e giustizia , e sono gli altri a scegliere per lui: gli uomini di questo mondo che sono agiti dal Satana e non vogliono la salvezza che viene dal cielo. Chi ha potere sull’uomo in  terra ne è in realtà schiavo, perché colui che ti dà il potere può anche togliertelo e tu devi compiacere a lui, anche quando vorresti compiacere a Dio.

“Barabba l’assassino, che suscitava sommosse tra la folla, che era responsabile di omicidio, è rilasciato al popolo dei giudei: è il demonio che sino ad oggi regna su di loro, e per questo essi non possono avere pace. Gesù, invece, consegnato dai giudei, è assolto dalla moglie di Pilato, e dallo stesso procuratore è chiamato giusto. E il centurione confessa che egli è davvero Figlio di Dio. Un lettore colto potrebbe chiedersi come possa accordarsi il gesto di Pilato che si lava le mani dicendo: “Sono innocente del sangue di questo giusto”, col fatto che egli consegnò Gesù, dopo averlo fatto flagellare, perché venisse crocifisso. Bisogna considerare che egli governava secondo le leggi romane, nelle quali è sancito che chi viene crocifisso deve essere prima frustato coi flagelli. Perciò Gesù viene consegnato ai soldati perché sia frustato, e i flagelli feriscono il suo santissimo corpo e il suo petto che accoglieva Dio. E’ scritto: “Molti sono i flagelli dei peccati”; perciò, essendo stato flagellato Gesù, noi siamo stati risparmiati alla frusta; infatti la Scrittura dice all’uomo giusto: “Il flagello non si avvicinerà alla sua tenda”. ( Gerolamo )

“Perché lo fa flagellare? Forse per trattarlo come un condannato, oppure per dare qualche parvenza di giustizia al processo, o forse per ingraziarsi i giudei. Eppure, avrebbe dovuto resistere con fermezza. Difatti prima di giungere a tanto aveva detto: “Prendetelo voi e giudicatelo secondo la vostra legge”. ( Crisostomo )

27 Allora i soldati del governatore prendendo su Gesù nel  pretorio riunirono intorno a lui l’intera coorte.

La schiavitù del Satana è come una lunga catena che lega gli uomini gli uni agli altri: i capi dei sacerdoti e gli anziani al popolo, il popolo a Pilato, Pilato ai soldati romani. E sembra proprio che nessuno possa sfuggire alla stretta mortale, neanche coloro che sono i più lontani da Gesù. Cosa avevano da spartire i soldati romani con Cristo? Erano in Israele come nemici fra nemici. Ma anche loro, tutti loro, l’intera coorte, si accaniscono contro Gesù. Eppure non lo conoscevano! In essi opera la potenza del Maligno che rende tutti gli uomini nemici di Dio. Non c’è rispetto di fronte a Gesù: o si è con lui o si è contro di lui. Coloro che affermano di non credere in Cristo, ma di nutrire rispetto ed ammirazione, mentono e sono i nemici più subdoli della fede.

28 E spogliandolo, gli misero intorno un mantello di colore scarlatto 29 e intrecciando una corona di spine posero sopra il suo capo e una canna nella sua destra. E piegato il ginocchio davanti a lui, lo schernivano dicendo: Salve, re dei Giudei. 30 E sputando su di lui, presero la canna e percuotevano il suo capo. 31 E dopo che lo ebbero schernito lo spogliarono del mantello, e lo ricoprirono con le sue vesti,

Il rifiuto di Gesù si manifesta in modo diverso: con la polemica più sfrontata e subdola che può arrivare alla violenza fisica, oppure con lo scherno e con la derisione.

Chi vede  da vicino fa guerra, chi vede da lontano si prende gioco. Poco importa: vi è una sola colpa e un solo inganno. Questi soldati non conoscono le sottili disquisizioni degli scribi e dei farisei, ma anche loro infieriscono contro il Figlio di Dio. In modo diverso, certamente, ma con lo stesso odio e lo stesso accanimento. Non conoscono altro dio, se non il loro Cesare, e nessun potere se non quello che si afferma con le armi e la violenza. Scherniscono e schiaffeggiano Gesù, per vedere la reazione dell’uomo e per provocare la sua collera.

“Quasi a un segnale dato, il diavolo si scatena in tutti. Passi il fatto che i giudei, divorati dall’invidia e dalla gelosia, infieriscano contro di lui; ma i soldati che motivo hanno di insultarlo? Non è quindi evidente che il diavolo sta ora furoreggiando in tutti? Crudeli e disumani, i soldati trasformano in sollazzo e piacere gli oltraggi cui sottopongono Gesù. Quando dovrebbero aver compassione e versare lacrime, come fa successivamente il popolo, essi si comportano in modo del tutto diverso: ingiuriano e insultano, sia per compiacere i giudei, sia per soddisfare il loro istinto brutale”. ( Crisostomo )

“Ovviamente i soldati, dato che è stato definito “re dei giudei” e gli scribi e i sacerdoti di ciò lo hanno accusato quasi avesse voluto usurpare il potere sul popolo d’Israele, fanno così per dileggio. Dopo averlo denudato delle sue vesti, lo ricoprono con una clamide scarlatta al posto del manto rosso che gli antichi re indossavano, e gli pongono sul capo una corona di spine al posto del diadema, e gli sistemano tra le mani una canna al posto dello scettro regale e si prostrano davanti a lui per adorarlo come si faceva coi re. Ma noi intendiamo tutto questo in senso mistico: Allo stesso modo in cui Caifa ha detto: “E’ bene che un uomo solo muoia per il bene di tutti”, non sapendo quello che diceva, così anche questi soldati, qualunque cosa abbiano fatto, anche se l’hanno fatto con un’altra intenzione, tuttavia a noi che crediamo hanno offerto dei misteri da meditare. Nella clamide scarlatta soffre le sanguinose persecuzioni dei gentili; nella corona di spine scioglie l’antica maledizione; nella canna uccide gli animali velenosi. Oppure teneva la canna in mano quasi a scrivere il sacrilegio compiuto dai giudei”. ( Gerolamo )

E sputando su di lui, presero la canna e percuotevano il suo capo.

“In quel momento si compiva la predizione d’Isaia: “Non sottrassi il mio volto alle ignominie e agli sputi”. E, benché colpiscano il suo capo con la canna, tutto egli sopporta pazientemente, a confermare la verità della profezia di Isaia: “Non spezzerà la canna già rotta”. Gerolamo )

E dopo che lo ebbero schernito lo spogliarono del mantello, e lo ricoprirono con le sue vesti,

“Allorché è flagellato, è preso a sputi, è schernito, Gesù non ha i suoi abiti, ma quelli che ha preso per i nostri peccati. Ma quando è crocifisso e sono finite le beffe, gli scherni e le derisioni, allora riceve le sue antiche vesti e riprende il suo aspetto: allora, subito, gli elementi si turbano e la creazione rende testimonianza al Creatore”.( Gerolamo)

lo condussero perché lo crocifiggessero

Vi è sempre una grande ipocrisia in coloro che combattono la fede da fuori. Si finge il proprio disinteresse e la non considerazione: in realtà si è complici di coloro che si dichiarano apertamente contro. Pilato non consegna semplicemente Gesù, ai Giudei, ma soltanto, dopo averlo fatto flagellare”, e perché lo crocifiggessero”. Così i soldati romani non accompagnano Gesù, se non dopo averlo schernito e anche loro “perché lo crocifiggessero”. Vi è colpa e colpa, ma un’unica condanna per coloro che non vogliono il Signore e sono schiavi dello stesso male.

32 E uscendo trovarono un uomo di Cirene di nome Simone: questo angariarono perché prendesse su di lui la  croce.

“Nessuno creda che il racconto di Giovanni sia in contrasto con questo passo. Giovanni infatti dice che il Signore, uscendo dal pretorio, portava la sua croce; Matteo invece qui riferisce che i soldati trovarono un uomo di Cirene, di nome Simone, e lo costrinsero a caricarsi sulle spalle la croce di Gesù. Ma si deve intendere che, mentre usciva dal pretorio, Gesù portava egli stesso la sua croce; poi i soldati, imbattutisi in Simone, gli imposero di portare la croce. Secondo l’interpretazione mistica, le nazioni prendono la croce di Gesù, e il sottomesso pellegrino porta l’ignominia del Salvatore”. ( Gerolamo )

“Mentre uscivano, impongono il legno della croce sulle spalle di un uomo di Cirene. Un giudeo non era degno di portare la croce di Cristo, perché toccava alla fede dei pagani prendere la croce e soffrire con lui”. ( Ilario )

33 E vennero in un luogo che è detto Golgota, cioè il luogo del Calvario.

“Qualcuno sostiene che il luogo del teschio è quello in cui fu sepolto Adamo, e per questo è così chiamato, poiché ivi è sepolto il capo del primo uomo; per questo l’Apostolo avrebbe detto: “Levati, tu che dormi, sorgi dai morti e t’illuminerà Cristo”. Gradevole interpretazione, piacevole agli orecchi del popolo; e tuttavia non vera. Infatti, fuori della città, al di là delle porte, vi erano delle località dove venivano mozzate le teste ai condannati; e questi luoghi hanno preso il nome del teschio, cioè dei decapitati. Per questo in tale luogo viene crocifisso il Signore, in modo che, dove prima era la piazza dei condannati, ivi siano innalzati i vessilli del martirio. Come per noi ha preso su di sé la maledizione della croce ed è stato flagellato e crocifisso, così, per la salvezza di noi tutti, come un colpevole è stato crocifisso. Ma se qualcuno vuol sostenere che il Signore è stato crocifisso qui proprio per versare il suo sangue sopra la tomba di Adamo, noi gli chiediamo: perché anche i ladroni sono stati crocifissi nel medesimo luogo? Dal che appare che “Calvario” non significa il sepolcro del primo uomo, ma il luogo dei decapitati, in modo che ove abbondò il peccato sovrabbondi la grazia. Leggiamo peraltro nel libro di Giosuè, figlio di Nave, che Adamo fu sepolto presso Hebron e Arbea”. ( Gerolamo )

34 E gli diedero del vino da bere misto con fiele, e dopo averlo assaporato non volle bere.

“Dio dice a Gerusalemme: “Io ti piantai vitigno scelto; come mai hai mutato i tralci in quelli di una vigna bastarda?”. La vite bastarda dà il vino amaro, che è dato al Signore Gesù affinché s’adempia quanto sta scritto: “Mi dettero per cibo il fiele, e alla mia sete dettero da bere l’aceto”. E quanto è detto: “Assaggiatolo, non ne volle bere”, significa che assaporò per noi l’amarezza della morte; ma il terzo giorno risuscitò”. ( Gerolamo )

“Egli non volle bere il vino mescolato col fiele, che gli veniva offerto: l’amarezza dei peccati, infatti non si mischia con l’incorruttibilità della gloria eterna”. ( Ilario )

35 Dopo che l’ebbero crocifisso, divisero le sue vesti gettando la sorte, affinché si adempisse ciò che fu detto attraverso il profeta che dice: Divisero per sé i miei vestiti, e sopra la mia veste gettarono la sorte.

“Queste cose erano state profetate nel medesimo salmo: “Si sono divisi i miei abiti e sulla mia veste hanno gettato la sorte”. ( Gerolamo )

“La sua veste, divisa tirando a sorte piuttosto che stracciata, indicava l’incorruttibilità del suo corpo, che sarebbe rimasta intatta”. ( Ilario )

36 E stando seduti lo custodivano. 37 E misero sopra il suo capo la ragione della sua condanna scritta: Questo è Gesù il re dei Giudei.

Vi è modo e modo di stare seduti per custodire Gesù: questo è certamente il peggiore. C’è chi sta fermo nella fede e non vuole perdere il Signore e c’è chi è ben saldo nella propria incredulità e vigila perché nessuno si accosti a Gesù. Vuole che il Salvatore sia ben celato a tutti e morto agli occhi del mondo perchè nessuno possa impadronirsene. E anche la professione di fede può diventare professione di incredulità, quando si fa un gran parlare di Cristo e del suo regno, ma solo per condannarlo e per mettere in guardia gli altri, perché non cadano in un simile inganno.

“La diligenza dei soldati e dei sacerdoti ci giova, perché più grande e manifesta apparirà la potenza di colui che risuscita”. ( Gerolamo )

38 Allora furono crocifissi con lui due ladroni, uno a destra e uno a sinistra.

Triste spettacolo e triste compagnia! E tutto questo è fatto non solo per umiliare il Figlio di Dio, ma anche per scoraggiare coloro che vogliono seguirLo, perché appaia chiaro che saranno condannati come il loro maestro alla stregua dei delinquenti e degli assassini. E nessuno si illuda di sedere nella gloria con Gesù: finirà nella stessa ignominia e vergogna: ogni sua speranza sarà appesa al palo della croce.

“E così al legno della vita sono sospese la salvezza e la vita di tutti. Alla sua destra e alla sua sinistra vengono crocifissi due ladroni, i quali mostrano che la totalità intera del genere umano è chiamata al mistero della passione del Signore. Ma poiché, a causa della differenza tra credenti e increduli, avviene una divisione di tutti tra destra e sinistra, uno dei due ladroni, quello che stava a destra, viene salvato mediante la giustificazione della fede”. ( Ilario )

39 E quelli che passavano oltre lo bestemmiavano scuotendo i loro capi 40 e dicendo:

Sono i furbi e gli increduli di questo mondo, che girano alla larga e si tirano subito fuori, perché non vogliono fare una brutta fine. E neppure sono  capaci di una qualche riflessione, e di contristare il loro cuore, ma bestemmiano e si prendono gioco di Gesù

“Bestemmiavano, perché passavano per via rifiutandosi di camminare lungo il vero cammino delle Scritture. Scuotevano la testa perché già prima avevano mosso i piedi e non poggiavano sulla roccia. Coi suoi insulti il popolo fatuo ripete le stesse cose che avevano inventato i falsi testimoni”. ( Gerolamo )

Oh, tu che distruggi il tempio di Dio e in tre giorni lo riedifichi, salva te stesso, se sei Figlio di Dio, discendi dalla croce.

Miseri uomini che provocate la pazienza divina! Non il Figlio di Dio ha bisogno di salvezza, ma voi. Perché Gesù dovrebbe discendere in terra dalla croce? Per condannarvi tutti? Meglio che dalla croce salga in cielo per acquistarvi la salvezza! Invocate  l’ira e il giudizio divino e  questo ricadrà su di voi.

41 Similmente anche i capi dei sacerdoti schernendolo con gli scribi e gli anziani dicevano: 42 Altri ha salvato, se stesso non può salvare.

Ancora una volta i primi secondo la Legge manifestano la malvagità del loro cuore. Hanno visto la salvezza che viene dal cielo ma non l’hanno desiderata né ricercata perché si credono giusti. Non vogliono un Dio  che salva l’uomo, ma un Dio che salva se stesso dall’uomo. E con ciò  toccano il fondo della loro malvagità e si dimostrano degni di essere riprovati in eterno. Coloro che credono che ogni uomo può salvare se stesso dall’ira divina, non possono credere in un Dio che non salva se stesso dall’ira dell’uomo. Non amano il Signore né comprendono il suo amore.

“Anche se non lo vogliono, gli scribi e i farisei finiscono per confessare che ha salvato altri. Ecco perché le vostre stesse parole vi condannano. Infatti colui che ha salvato gli altri poteva salvare anche se stesso, se lo avesse voluto”. ( Gerolamo )

Se è re di Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo subito.

Nessun re di questo mondo accetterebbe di morire in croce. Ma il regno di Gesù “ non è di questo mondo”. Non hanno voluto e non vogliono comprendere, perché non amano le cose del cielo e neppure credono nella vita eterna. In chi crederete subito, uomini stolti? In un Dio che scende dalla croce sulla terra per giudicare? E quale speranza per voi che l’avete messo in croce? Ipocriti, falsamente proclamate la vostra fede nel re d’Israele.

“Promessa ingannatrice! Che cosa è più: scendere dalla croce mentre è ancora vivo, oppure, morto, risuscitare dal sepolcro? E’ risuscitato, e voi non avete creduto. Quindi, ugualmente non credereste, anche se discendesse dalla croce. Ma a me sembra che queste parole siano suggerite dai demoni. Perché essi subito, non appena il Signore fu crocifisso, sentirono la potenza della croce e capirono che il loro potere era infranto, e per questo lo invitavano a discendere dalla croce. Ma il Signore, conoscendo le insidie dei suoi avversari, resta sul patibolo per annientare il diavolo”. ( Gerolamo )

43 Ha confidato in Dio, lo liberi ora, se vuole lui; 

Riconoscono i nemici di Gesù la sua fede nel Padre, ma non vogliono farsi suoi imitatori né credono in una liberazione del Figlio che sia per l’uomo. E neppure credono che in Cristo il cielo sia riconciliato con la terra e che Colui che vuole la vita del Figlio, possa volere anche la vita di tutti i suoi figli. Quale confessione più aperta della propria incredulità. “Se vuole lui”. Non vi è un unico Padre ed un unico amore? Viene il tempo in cui il cuore dell’empio si manifesta apertamente, anche in coloro che siedono ogni giorno nella casa del Signore.

ha detto infatti: Sono Figlio di Dio. 

Quando mai Gesù ha detto di essere Figlio di Dio? E’ un altro che testimonia per Lui, nei vostri cuori. Ma voi che non volete il Figlio non volete neanche il Padre. Invano vi attaccate alle Scritture per rifiutare il Cristo. E’ sempre la stessa ed unica parola che parla a voi.

44 E allo stesso modo anche i ladroni che erano stati crocifissi con lui, lo schernivano.

“Qui con figura retorica chiamata hyal posto di un solo ladrone si dice che entrambi lo bestemmiavano. Luca  invece asserisce che, mentre uno lo bestemmiava, l’altro confessò la sua fede, anzi rimproverava il compagno perché bestemmiava. Non c’è contrasto nei Vangeli: dapprima entrambi bestemmiavano; ma poi, quando il sole fugge, la terra è sconvolta, le rocce si spaccano e scendono le tenebre, uno di loro crede in Gesù, annullando con la successiva confessione la primitiva negazione. Nei due ladroni ambedue i popoli, quello dei pagani e quello dei giudei, hanno dapprima bestemmiato il Signore; poi, atterrito dalla grandezza dei prodigi, uno si è pentito e fino ad oggi rimprovera i giudei perché ancora lo bestemmiano”. ( Gerolamo )

45 Ma dall’ora sesta fu fatta tenebra su tutta la terra fino all’ora nona.

“Coloro che hanno scritto contro il Vangelo, sospettano che si tratti di un’eclisse di sole, che suole accadere in certe epoche prestabilite, e che i discepoli di Cristo l’abbiano attribuito alla risurrezione del Signore per ignoranza. Mai però un’eclisse di sole si è verificata fuori della prima fase lunare, ed è indubbio che nel tempo della pasqua la luna fosse pienissima. E forse proprio perché non sembrasse trattarsi dell’ombra della terra, ossia che la luna nella sua orbita si fosse venuta a trovare in opposizione al sole, l’eclisse non ha fatto brevi e fosche le tenebre, ma le ha fatte durare per ben tre ore, in modo da togliere ogni spunto ai contraddittori. Credo che questo sia avvenuto perché s’adempisse la profezia che dice: “Tramonta il sole a mezzogiorno e la luce si ottenebra di giorno sulla terra, e altrove: “Tramontò il sole benché fosse ancora mezzogiorno”. Mi sembra che il fulgente astro del mondo, cioè la più grande luce, abbia ritratto i suoi raggi perché non si vedesse il Signore crocifisso, oppure perché gli empi bestemmiatori non godessero della sua luce”. ( Gerolamo )

46 E verso l’ora nona gridò Gesù con voce grande dicendo: Eli, Eli, lamma sabactani? Cioè, Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?

“Al principio del ventunesimo salmo, il libro è consumato, e le parole che si leggono nel mezzo del versetto: “Guarda verso di me”, sono un di più. Leggiamo infatti nel testo ebraico: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. Perciò sono empi coloro che ritengono questo salmo detto dalla voce di David, o di Ester o di Mardocheo, mentre anche gli evangelisti interpretano le testimonianze da esso desunte come riguardanti il Salvatore. Così anche le parole: “Si sono divisi i miei abiti e sulla mia veste hanno gettato la sorte”, e le altre: “Hanno trafitto le mie mani e i miei piedi”. Non stupirti per l’umiltà delle parole e per i lamenti dell’abbandonato, quando, conoscendo la natura del servo, assisti allo scandalo della croce”. (Gerolamo)

47 E alcuni che stavano fermi lì e che udivano dicevano: Costui chiama Elia.

“Non tutti, ma soltanto alcuni, che credo fossero i soldati romani, non comprendendo le particolarità della lingua ebraica, quando egli dice: “Eli, Eli”, credono che invochi Elia. Se però vogliamo intendere che siano giudei coloro che dicono questo, dobbiamo pensare che si comportino secondo il loro solito: tentano di diffamare il Signore come se avesse invocato, per la sua debolezza, l’aiuto di Elia”. ( Gerolamo )

48 E subito correndo uno solo di loro presa una spugna la riempì di aceto e la pose sopra una canna e gli dava da bere.

“E questo accade perché s’adempia la profezia: “Alla mia sete dettero da bere l’aceto”. Fino ad oggi i giudei e tutti coloro che non credono alla risurrezione del Signore, dissetano Gesù con aceto e fiele e gli danno vino misto a mirra per tenerlo assopito, affinché non veda i loro delitti”. ( Gerolamo )

49 Ma tutti gli altri dicevano: Lascia che vediamo se viene Elia a liberarlo, 50 ma Gesù di nuovo gridando con voce grande mandò fuori lo spirito.

E’ il dono dello Spirito Santo che finalmente è dato all’uomo, in virtù di Cristo e del suo sacrificio. Non ci sembra particolarmente illuminata l’interpretazione di Gerolamo e di altri padri della chiesa:

“Emettere lo spirito è indizio di divino potere, come anche egli stesso aveva detto: “Nessuno mi può togliere la vita; ma la do io da me stesso, e ho il potere di riprenderla di nuovo”. ( Gerolamo )

Di quale vita si parla? Della vita che dura in eterno, o della vita puramente umana di Cristo? Noi crediamo che Gesù nel passo riportato  parli della vita eterna, che è in suo potere, perché in Lui fondata. Nessuno può toglierla a Lui, ma Lui può darla alle Sue creature e riprenderla di nuovo, se non ne sono degne. Gerolamo invece sembra intendere spirito nel senso di vita umana: Gesù rese quello spirito che aveva assunto assumendo la natura umana. Morì come uomo, per vivere unicamente come Dio. Il pensiero di Gerolamo appare ancor più chiaro in quello che scriverà subito dopo e che noi anticipiamo per una migliore comprensione e chiarificazione del discorso:

“In un altro Vangelo, dopo il terremoto, più chiaramente viene riportato il motivo della conversione del centurione: egli, dopo aver visto Gesù emettere lo spirito, esclamò: “Veramente costui era Figlio di Dio!”. Nessuno infatti ha la potestà di emettere lo spirito eccetto colui che è il creatore delle anime. In questo passo dobbiamo intendere spirito per anima, sia perché è ciò che rende spirituale e vitale il corpo, sia perché lo spirito è la sostanza dell’anima stessa, come appunto sta scritto: “Togli loro lo spirito, e verranno meno”.

Nonostante in Paolo lo spirito sia chiaramente e nettamente distinto dall’anima, notiamo una certa difficoltà nei padri della chiesa a comprendere e ad accogliere simile differenziazione. E ciò è dovuto all’influsso, perdurante nella chiesa fino ai nostri giorni, della cultura e della filosofia greca, che non conosce distinzione tra anima e spirito. Altrove abbiamo trattato ampiamente al riguardo. Per quanto concerne il passo in questione ci sembra evidente il riferimento a Genesi e all’adempimento della promessa. In Genesi è scritto che Dio soffiò nell’uomo “spiraculum vitae”. Uno spiraglio di vita non è ancora la pienezza della vita, ma un’apertura alla vita: non la pienezza dello Spirito, ma la caparra dello Spirito Santo, quel tanto che era necessario per incamminare Adamo sul sentiero della vita eterna. Sappiamo come sono andate le cose e come l’uomo sia precipitato miseramente dallo stato di grazia. La salvezza che ci viene dal sacrificio di Gesù, non può essere la fotocopia di quanto donato in Eden. Lo presuppone certo, ma , dal momento che il dono di Dio è scavalcato dal peccato,  Gesù non può scavalcare il peccato dell’uomo se non scavalcando, cioè andando oltre il suo stesso dono originario. Per questo è scritto che Gesù gridò con voce grande, per significare che buttò fuori tutto il suo Spirito e non più e non soltanto un semplice alito o soffio. Chi soffia trattiene il fiato  e lo butta fuori soltanto nella misura che crede necessaria. Chi grida con gran voce  butta fuori senza misura.  Se è perdonato il primo rifiuto dell’uomo, ora non ci sarà alcuna possibilità si salvezza per coloro che rifiutano lo Spirito che viene dal Cristo, in quanto totalmente donato. 

51 Ed ecco il velo del tempio fu squarciato in due parti da cima fino a fondo

E’ il dono dello Spirito Santo che illumina il senso della Legge e pone una linea chiara di demarcazione tra il prima e il poi. Il salto non è di qualità, perché si tratta pur sempre dell’unico e medesimo Dio, ma di quantità. E’ l’uomo che dopo il peccato precipita in uno stato qualitativamente diverso;  ciò nulla toglie al dono di Dio che è e rimane santo, cioè separato dalla realtà umana. Ma la Legge, se pur giusta e santa, non è in grado di dare la vita eterna. La vita eterna ci viene solo dal Figlio, in virtù del suo sacrificio.

“Il velo del tempio si squarcia e tutti i misteri della Legge che prima erano nascosti vengono scoperti e passano al popolo delle genti. Nel Vangelo di cui spesso facciamo menzione, abbiamo letto che l’ampia soglia del tempio si spezzò in due. Anche Giuseppe riferisce che le potenze angeliche, che un tempo presiedevano al tempio, esclamarono allora insieme: “Andiamocene da questi luoghi!”. ( Gerolamo )

e la terra fu scossa, e le pietre furono spaccate 52 e i monumenti furono aperti

E’ scossa l’umanità tutta: sono spezzati i cuori di pietra ed escono i morti dalle loro tombe, in virtù dello Spirito che Gesù ha mandato fuori, perché rinnovi la faccia della terra.

“Non v’è dubbio sul significato letterale della grandezza dei prodigi con cui il cielo, la terra e ogni cosa dimostrano che il Crocifisso è il loro Signore. Ma a me sembra che il terremoto e le altre immagini raffigurino i fedeli, in quanto coloro che prima erano simili a tombe di morti, abbandonati gli antichi vizi dell’errore e mitigata la durezza dei loro cuori, riconoscono ora il Creatore”. ( Gerolamo )

e molti corpi dei santi che si erano addormentati si alzarono. 53 E uscendo dai monumenti dopo la resurrezione vennero nella santa città e apparvero a molti.

“Sono i corpi dei santi del Antico Testamento che si sono addormentati prima della venuta di Cristo. Ora si alzano dai monumenti per rivestire la vita nuova e per dare una conferma a coloro che credono in Gesù. Così l’Antico va incontro al Nuovo e i santi di ieri entrano in comunione con i santi di oggi. Perché mai è detto molti e non tutti? Perché non c’è santità che non debba confrontarsi con il Cristo, e nessuno sarà salvo per le opere della Legge, ma solo per la fede nel Salvatore. E non tutti sono degni della testimonianza degli antichi, ma solo coloro che credono con la loro stessa fede. La speranza nel Salvatore che verrà e la fede nel Salvatore che è già venuto si fondono nell’unica gioia di coloro che hanno accolto il suo Spirito di vita.

“Allo stesso modo in cui Lazzaro morto è stato risuscitato, così anche molti corpi di santi risorsero, per dimostrare che il Signore stava risorgendo. E tuttavia, pur essendo aperti i loro sepolcri, non sono risorti prima che risorgesse il Signore, in modo che egli fosse il primogenito della risurrezione dai morti. Riteniamo che la città santa nella quale furono visti mentre risorgevano sia o la Gerusalemme celeste, o questa terrena, che un tempo fu santa. Così anche Matteo è chiamato pubblicano , non perché continuava ad esserlo anche quand’era apostolo, ma perché conservava ancora l’antico nome. La città di Gerusalemme era chiamata santa per il tempio e per il Santo dei santi, e per distinguerla dalle altre città, nelle quali si adoravano gli idoli. Ma dicendo che “apparvero a molti”, si mostra che non generale fu la risurrezione, tanto da apparire a tutti, ma particolare per molti, affinché li vedessero solo coloro che meritavano di vederli. ( Gerolamo )

54 E il centurione e quelli che erano con lui custodendo Gesù, visto il terremoto e quelle cose che erano accadute, temettero fortemente dicendo: Veramente figlio di Dio era costui.

La vita nuova è accompagnata da segni grandi ed opere potenti e anche i pagani si convertono a Gesù e danno gloria al Figlio di Dio.

“In un altro Vangelo, dopo il terremoto, più chiaramente viene riportato il motivo della conversione del centurione: egli, dopo aver visto Gesù emettere lo spirito, esclamò: “Veramente costui era Figlio di Dio!”. Nessuno infatti ha la potestà di emettere lo spirito eccetto colui che è il creatore delle anime.

55 E c’erano qui molte donne da lontano che avevano seguito Gesù dalla Galilea servendolo, 56 tra le quali Maria Maddalena e Maria madre  di Giacomo e di Giuseppe e la madre dei figli di Zebedeo.

“E c’erano qui... da lontano”: la contraddizione è solo apparente. Erano lontane col loro corpo perché impedite di avvicinarsi a Gesù, ma erano qui, vicino al Signore col loro cuore. Non c’è violenza fisica o impossibilità materiale che possa impedire a coloro che credono di essere sempre accanto a Cristo, anche quando la prova si fa grande e tutto sembra perduto. E non a caso ci sono molte madri fra queste donne, perché la loro fede avrebbe generato molti figli..., non secondo la carne, ma secondo lo spirito.

“Era tipico della consuetudine giudaica, e non era considerato colpa secondo l’antico costume del popolo, che le donne provvedessero con le loro sostanze al vitto e agli abiti dei maestri. Paolo ricorda di avere abbandonato questa abitudine perché avrebbe potuto suscitare scandalo tra i gentili. Egli dice infatti: “Non abbiamo forse diritto di condurre con noi le sorelle e le donne, come fanno anche gli altri apostoli?”. Assistevano infatti il Signore con le loro sostanze, onde mietere dai loro beni materiali per colui dal quale esse mietevano i beni spirituali. Non perché il Signore delle creature avesse bisogno di cibo, ma per mostrarsi il modello dei maestri, in quanto essi devono accontentarsi del vitto e dei vestiti che ricevono dai discepoli. Ma vediamo ora quali compagne aveva: Maria Maddalena, dalla quale aveva scacciato sette demoni, e Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, sua zia, sorella di Maria madre del Signore, e la madre dei figli di Zebedeo, la quale poco tempo prima aveva chiesto il regno per i suoi figli, e altre di cui leggiamo nei restanti Vangeli”.(Gerolamo)

“A tali avvenimenti assistono le donne, esse che in particolar modo sono compassionevoli e più di tutti piangono e s’addolorano. Ma notate quanto è grande la loro costanza e adesione al Signore. L’hanno seguito per assisterlo e gli sono a fianco sin nei momenti del pericolo. Perciò hanno contemplato tutto: come Gesù ha gridato, com’è spirato, in che modo le pietre si sono spaccate e ogni altro fatto. E sono loro a vedere per prime Gesù risorto: il sesso più condannato è il primo a fruire della contemplazione dei beni. Sono le donne soprattutto a dar prova di virilità. Mentre i discepoli sono fuggiti, esse sono presenti accanto alla croce”. ( Crisostomo )

57 Essendosi fatta sera , venne un  uomo ricco da Arimatea, di nome  Giuseppe, che anche lui stesso era discepolo di Gesù. 58 Questi si accostò a Pilato e chiese di avere il corpo di Gesù. Allora Pilato comandò che fosse restituito il corpo.

E’ il primo discepolo che si fa avanti dopo la morte di Gesù e si lascia trascinare dall’esempio delle donne, e si unisce a loro per trovare coraggio nella loro stessa fede. Affronta Pilato, non di giorno, ma quando ormai si è fatta sera e nessuno può vedere ed è più facile affrontare gli occhi di chi è avverso. Chiede il corpo di Cristo perché non sia profanato dagli empi, ma restituito alla pietà delle donne.

“Si riporta che era ricco, non per vanteria dello scrittore, come per sottolineare che un uomo nobile e ricchissimo fosse discepolo di Gesù, ma per mostrare la ragione per cui poté ottenere da Pilato il corpo di Gesù. Un povero e uno sconosciuto non aveva infatti possibilità di parlare col procuratore Pilato e ottenere da lui il corpo del crocifisso. In un altro evangelista questo Giuseppe è chiamato hV cioè “consigliere”, e in vista di lui alcuni credono sia stato composto il primo salmo: “Beato l’uomo che non s’associa al consiglio degli empi”, con quel che segue”. Gerolamo )

59 E accolto il corpo Giuseppe avvolse quello in un lenzuolo puro 60 e lo pose nel suo monumento nuovo, che aveva scavato nella pietra e fece rotolare un grande sasso sulla porta del monumento e se ne andò.

Giuseppe ha una fede ancora bambina: non vede oltre la tomba, ma nello stesso tempo non accetta un’eternità senza Gesù. Avvolge il Suo corpo in un lenzuolo puro, a testimonianza di un amore che non è stato macchiato dalla morte,  e di una stima che è rimasta immutata. Se ne va, alla fine, ma soltanto dopo aver messo il corpo di Cristo in un luogo sicuro, e ben protetto, nella tomba scavata per se stesso. Come non c’è stata vita senza il Signore, così non ci sarà morte senza di Lui, ma solo con Lui e accanto a Lui.

“Dalla nuda sepoltura del Signore vien condannata l’ambizione dei ricchi, i quali neppure nelle tombe possono fare a meno delle ricchezze. Possiamo anche intendere queste parole secondo il significato spirituale, in quanto il corpo del Signore doveva essere avvolto non nell’oro, nelle gemme o nella seta, ma in un puro panno di lino; sebbene questo passo possa significare anche che avvolse Gesù nel candido lenzuolo colui che lo aveva accolto con purezza di spirito”. ( Gerolamo )

61 Ma c’era lì Maria di Magdala e l’altra Maria che sedevano in faccia al  sepolcro.

“Mentre gli altri hanno abbandonato il Signore, le donne perseverano nel loro compito, aspettando ciò che Gesù ha promesso, e perciò si meritano di vederlo per primo risorto, poiché colui che avrà perseverato sino alla fine, quegli sarà salvo”. ( Gerolamo )

Giuseppe ha avuto il coraggio di guardare in faccia la morte di Gesù..., e non per dimenticare, ma per ricordare. Ma c’è anche chi è più determinato e non si rassegna, né accetta ciò che appare agli occhi della carne. Di queste donne è detto che “sedevano in faccia al sepolcro”. Non erano affatto disposte ad andarsene e a lasciare un Cristo morto ma perseveravano nella fede e guardavano al sepolcro con gli occhi dello spirito, in modo diverso... memori della promessa.

62 Il giorno dopo che è dopo la Parasceve si riunirono i capi dei sacerdoti e i farisei presso Pilato 63 dicendo: Signore, ci siamo ricordati che quel seduttore disse finchè vivente: Dopo tre giorni risorgerò. 64 Comanda dunque che sia custodito il sepolcro fino al terzo giorno perché non accada che vengano i suoi discepoli e lo rubino e dicano al popolo: E’ risorto dai morti; e sarà l’ultimissimo errore peggiore del primo.

Non soltanto la fede si dimostra memore delle parole di Gesù, ma anche l’incredulità.  Satana è molto attento alla parola di Dio ed è sempre operoso e solerte per combatterla in ogni modo e con ogni arma. Coloro che hanno passato una notte insonne per riunirsi e condannare Gesù, neppure dopo la sua morte si sentono tranquilli. Vogliono mettere tutto a posto e prevenire qualsiasi evento contrario al loro piano, anche se alquanto improbabile. Si comportano come i peggiori omicidi:  tutto curano, in ogni minimo dettaglio. Protestano davanti a Pilato che vogliono difendere con le guardie la Verità: se ne serviranno soltanto per affermare la Menzogna. Ma non riusciranno nell’intento di far ricadere sui pagani la loro colpa. Pilato non abbocca, vuole che gli ebrei si prendano ogni responsabilità riguardo a Gesù. E così come da Israele uscirà l’annuncio della vita così da Israele uscirà l’annuncio che è morte e che conduce alla morte.

e sarà l’ultimissimo errore peggiore del primo.

Se gli apostoli semplicemente portassero  via il corpo di Gesù poco importerebbe, ma sarebbe molto più grave se dicessero che è risorto così come profetizzato. E’ questo in definitiva ciò che temono i nemici di Cristo: l’annuncio della sua risurrezione.

65 Disse loro Pilato: Avete la guardia, andate, custodite come sapete voi. 66 Quelli andando fortificarono il sepolcro sigillando la pietra con dei custodi.

“Non bastava ai capi dei sacerdoti, agli scribi e ai farisei d’aver crocifisso il Signore: essi vollero vigilare il sepolcro, sigillarne la lapide, ottenere una coorte, disporre, per quanto era possibile, una schiera di armati davanti alla tomba di colui che doveva risorgere. In tal modo, la loro scrupolosità ha giovato alla nostra fede. Quanto più egli è vigilato, tanto più mostra la potenza della sua risurrezione. Per questo viene seppellito in un sepolcro nuovo che era stato scavato nella roccia: se questo fosse stato costruito con molte pietre, avrebbero potuto dire che era stato trafugato essendo state scavate le fondamenta del sepolcro: E che doveva essere sepolto in un sepolcro lo attesta il profeta con le parole: “Qui abiterà, in una grotta scavata nella pietra durissima”. E subito, dopo due versi, aggiunge: “E i vostri occhi contempleranno il re della gloria”. ( Gerolamo )

 

Informazioni aggiuntive